Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/70

64 ii - de la comunitá d’amore

le fa piú intense o remisse, rettamente o ver indirettamente, secondo la diversitá del fin degli uomini.

Sofia. Dichiarami queste differenzie in ognuna di queste cinque cagioni.

Filone. La prima, del desiderio e dilettazione che si truova ne la generazione, è negli uomini cagione di piú intenso, fermo e proprio amore che negli animali; ma [questo] suole essere piú coperto con la ragione.

Sofia. Dichiara queste differenzie piú particolarmente.

Filone. È piú intenso negli uomini, perché amano le donne con maggior veemenzia, cercanle con maggior sollecitudine: tanto che, per quelle, lassano il mangiare e il dormire e pospongono ogni riposo. È piú fermo in loro, perché piú longamente si conserva l’amore tra l’uomo e la donna, in modo che né sazietá né assenzia né impedimento bastano a dissolverlo. È piú proprio, perché ogni uomo ha maggiore proprietá a una singular donna che il maschio degli animali a la femmina; e benché in alcuni [animali] si truovi qualche appropriazione, negli uomini è piú perfetta e determinata. È ancor questo amore piú coperto negli uomini che negli animali, perché la ragione suol frenar l’escesso di quello, e il giudica brutto quando non è regolato da quella; e per la forza che ha questo appetito carnale negli uomini e per la sua inobbedienzia a la ragione, gli uomini coprano li membri de la generazione come vergognosi e ribelli de la moderata onestá.

Sofia. Dimmi la differenzia tra gli uomini e gli animali ne la seconda cagione d’amore, cioè ne la successione generativa.

Filone. Per la successione generativa, negli animali, s’amano reciprocamente li figliuoli con li padri e madri solamente; e massimamente con le madri che sogliono essere nutrici loro; o vero con il padre quando li nutrisce; e non altrimenti. Ma gli uomini amano padri e madri insieme, e ancor li fratelli e altri propinqui, per l’approssimazione de la generazione. È ben vero che qualche volta l’avarizia umana e altri escessi fanno perdere, non solamente l’amore de’ parenti e fratelli, ma ancor