Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/370

364 iii - de l’origine d’amore

ama le dilettazioni belle apparentemente e non in esistente veritá. Benché ancora fra queste due si truovino mezzi composti d’ambidue, che alcuni sono temperati e onesti circa alcune de le dilettazioni e circa de l’altre stemperati, e alcuni per la maggiore e principal parte sono temperati e nel manco stemperati, e altri al contrario; e pur debbono sortir il nome di quello a che piú sono inclinati, onesto o disonesto.

Sofia. Intendo a che modo ogni dilettazione è buona, apparente o esistente, e perciò è desiata; e quelle che oltra de l’essere buone sono belle apparenti o esistenti, non solamente si desiano ma ancora s’amano: e perciò hai detto che ’l fine de l’amore è la dilettazione de l’amante ne la cosa amata, e cosí debbe essere il fine del desiderio dilettazione del desiderante ne la cosa desiderata; poi che non è fra loro altra differenzia, se non che ’l desiderante non amante desia sotto spezie di buono non bello, esistente o a lui apparente, e il desiderante amante ama sotto spezie di buono bello, o che sia bello o che gli paia. Ma vorria saper da te, o Filone, come si conforma questo fine de l’amore con quello che m’hai detto ne la sua prima diffinizione, che è desiderio d’unione: che l’unione pare che sia altra cosa che la dilettazione.

Filone. Anzi è quella medesima: ché non è altro la dilettazione che l’unione del delettabile, e il delettabile (come t’ho detto) o è solo buono o ancora bello ovvero pare al desiderante; si che dire del fine d’amore che è la dilettazione de l’amante ne la cosa amata, è quanto dire l’unione de l’amante con la cosa amata.

Sofia. Ancora questo intendo: ma in dubio mi resta ancora, che tu fai fine d’ogni amore la dilettazione; a questo modo ogni amore saria del delettabile: e tu di mente di Aristotile m’hai detto che sono tre amori, quello del delettabile, quello de l’utile, quello de l’onesto. Come adunque tu, lasciando li due principali, il fai tutto del delettabile, ponendo il fine de l’amore solamente in dilettazione?

Filone. Se ben Aristotile parte l’amore in tre (come hai detto), e uno di loro chiama solamente delettabile, sappi che ’l