Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/291


teoria cosmologica di averroe 285

l’intelligenzie movitrici e anime de li cieli e come ne l’intelletto agente umano e sapiente, ma non in quella chiarezza e luciditá, ma in modo ombroso, cioè in potenzia corporea. Ed è simile l’impressione de la materia prima respetto de li corpi celesti a l’impressione de l’intelletto possibile umano rispetto di tutti gli altri intelletti attuali, e non è altra differenzia in queste due impressioni, se non che ne la materia prima sono impresse tutte le idee formali in potenzia corporalmente, per essere il piú infimo de li corporei, e ne l’intelletto possibile sono cosí tutte impresse in potenzia, non corporea ma spirituale, cioè intellettuale. Secondo questa graduazione successiva de l’impressione de la bellezza divina succede l’amore e desio di quella nel mondo intellettuale di grado in grado, da la prima intelligenzia fino a l’intelletto possibile umano, che è il più basso e infimo de l’intelletti umani; e nel mondo corporeo (nel quale l’amore depende da l’intellettuale) succede cosí dal primo e supremo cielo gradualmente fino alla materia prima; la quale, cosí come ognuno degli orbi celesti, per quello amore insaziabile che hanno a la bellezza divina, per piú participarla e fruirla si muove circularmente di continuo senza riposo, cosí la materia prima, con desiderio insaziabile di participare la bellezza divina con la recezione de le forme, si muove di continuo di forma in forma in moto di generazione e corruzione circulare senza mai cessare. Piú particularitá ti potrei dire di ciascuna di queste due oppinioni nel modo de la successione de l’essenzie e amori ne l’universo, ne le sue differenzie e ragioni che ognuno in favore de la sua oppinione e in disfavore de l’altra adduce: ma le lasso per non essere prolisso in cosa non necessaria al proposito; bastiti che ciascuna di queste due oppinioni ti mostrará la risposta di quello che dimandi, cioè a che modo l’amore depende dal mondo angelico, del quale nacque, nel mondo celeste e inferiore, che si fa comune a tutto l’universo creato.

Sofia. Ho inteso la differenzia de la successione de l’impressione de la bellezza divina e de l’amor di quella ne’ gradi intellettuali de l’universo, fra queste due oppinioni d’arabi: e mi par comprendere che la prima sia come l’impressione del sole