Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/261


unità e trinità d’amore in dio 255

nente luciditá in diverse men chiare luci. Mira il sole quando s’imprime ne le nubi e fa l’arco, con quanti colori si transfigura ne le recipienti nubi o in acque ovvero in specchio, ed essendo egli una simplice chiarezza senza colore proprio, anzi escedente e continente tutti li colori, cosí la formalitá divina, una e simplicissima, non si può transfigurare se non con reverberante luce e multiplicata formalitá.

Sofia. E perché il nostro intelletto fa di uno tre, e non altro numero?

Filone. Però che uno è principio de’ numeri, perché uno dice prima forma e due prima materia e il tre il primo ente composto di tutti due; e come che nostro intelletto sia in sé trino e primo composto, non può comprendere l’unitá senza trina relazione: non che facci de l’uno tre, ma comprende l’uno sotto forma trina e giudica che in l’oggetto divino l’unitá sia purissima, la quale in somma simplicitá contiene la natura de l’amato, de l’amante e de l’amore senza multiplicazione e divisione alcuna, cosí come la luce del sole contiene l’essenzie de le luci e colori particulari con una simplice ed eminente chiarezza; ma che in lui riceva quella amorosa unitá sotto forma trina d’amato, amante e d’amore, tutti tre in uno, è questo solo per la bassezza e incapacitá di esso intelletto recipiente. E con questo, o Sofia, saldarai tutti gli tuoi dubi e ogni altro che occorrere ti potesse ne l’amore intrinseco de Dio amante in Dio amato.

Sofia. Mi pare intenderti: ma se puoi alquanto dichiararmi piú come in Dio sia una medesima cosa l’amato, l’amante e l’amore, mi sarebbe piú satisfazione.

Filone. Cosi come l’intelligente e la cosa intesa e l’intelligenzia tanto son divisi quanto sono in potenzia, e tanto sono uniti quanto sono in atto, cosí l’amato, l’amante e l’amore tanto sono tre e divisi quanto sono in potenzia, e tanto sono una medesima cosa e indivisa quanto sono in atto. Se l’essere in atto li fa uno e indivisibili, adunque essendo nel sommo e purissimo atto divino sono uno in simplicissima e purissima unitá, e in ogni altro atto inferiore l’unitá loro non è cosí pura e nuda de la trina natura amorosa e intellettuale.