Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/248

242 iii - de l’origine d’amore


Filone. Però che è necessario che l’informe sia stato innanti che ’l formato: se tu, o Sofia, vedi una statua di legno, non giudicarai che prima il legno si trovasse informe di forma di statua, che formato di quella?

Sofia. Si, certamente.

Filone. E cosí il caos bisogna che sia trovato informe, anzi che formato in mondo: si che la formazione del mondo mostra sua novitá e l’esser fatto di nuovo, e l’informe, che è in quello del qual si fece, mostra non novitá anzi antiquitá eterna. Séguita adunque che ne bisogna concedere che, cosí come il mondo formato è stato fatto di nuovo, cosí ne bisogna concedere che ’l caos informe non sia mai stato di nuovo, anzi abbi avuto essere ab eterno. Conoscerai adunque la ragion di quel detto degli antichi, che niente fa niente, perché il fare dice formazione nuova e la forma è relativa a l’informe di che si fa, ché di nullo informe nullo formato si può fare; è adunque necessario che, cosí come il formato mondo è fatto di nuovo, cosí l’informe caos sia ab eterno prodotto da Dio.

Sofia. Se ben ti concederò ch’il caos sia stato fatto ab eterno, non però ti concederò che sia prodotto da Dio.

Filone. Bisogna che ’l conceda: però che il caos è informe e imperfetto, e bisogna assegnarli causa produttiva che sia universalissima forma e perfezione, cosí come lui è universalissimo informe e imperfetto; quale è Dio.

Sofia. Come, Dio ha forma? saria adunque formato e fatto di nuovo? che è absurdo.

Filone. Dio non è formato né ha forma, ma è somma forma in se stessa; dal quale il caos e ogni parte sua participa forma: e d’ambi si fece il mondo formato e ogni parte sua formata, il padre de’ quali è quella divina formalitá e la madre è il caos, ambo ab eterno. Ma il perfetto padre produsse da sé la sola sustanzia, imperfetta madre, e d’ambi son fatti e formati di nuovo tutti li mondani figliuoli, quali hanno con la materia la formalitá paterna: si che per questa ragion non vana afferma Platone che ’l caos è prodotto da Dio ab eterno e ch’il mondo con sue parti è fatto e formato da lui di novo ne la creazione.