Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/195


fasi lunari e fasi psichiche 189

luminosa. Una volta adunque il mese è tutta la metá inferiore illuminata dal sole, e noi la vediamo piena di luce, e questo è ne la quintadecima de la luna, perché lei è in fronte al sole per opposito; un’altra volta è illuminata l’altra metá, cioè la superiore, e questo è quando si congiunge al sole, che è sopra di lei e illumina tutta la parte superiore, e l’inferiore verso di noi resta tutta tenebrosa. E allora per due di la luna non pare a noi: negli altri di del mese si ha diversamente l’illuminazione de la metá de la palla de la luna, perché da la coniunzione principia a mancar la luce da la parte superiore e a venire a l’inferiore verso di noi a poco a poco, secondo si va discostando dal sole. Ma sempre tutta la metá è lucida, perché ciò che manca di luce a la parte inferiore si trova ne la superiore, ché non vediamo sempre interamente tutta la metá de la palla. E cosí fa fino alla quintadecima, che allor tutta la parte inferiore verso di noi è lucida e la superiore tenebrosa; di poi principia la luce a trasportarsi a la parte superiore, decrescendo a poco a poco verso di noi fino a la parte superiore: allor manca tutta la nostra parte di luce, e la superiore, che non vediamo, è tutta lucida.

Sofia. Ho bene inteso il progresso de la luce de la metá de la luna e de la tenebrositá de l’altra, da la parte superiore verso il cielo a l’inferiore verso di noi, e il contra ancora. Dimmi come in quello è simulacro de l’anima.

Filone. La luce de l’intelletto è stabile: e, participata ne l’anima, si fa mutabile e mista con tenebrositá, perché l’anima è composta di luce intellettiva e di tenebrositá corporea, come, la luna di luce solare e di oscura corporeitá. La mutazion de la luce de l’anima è come quella de la luna de la parte superiore a l’inferiore verso di noi, e al contrario: perché lei qualche volta si serve di tutta la luce conoscitiva, che ha l’intelletto, ne l’amministrazione de le cose corporee, restando tenebrosa totalmente da la parte superiore intellettiva, nuda di contemplazione, astratta di materia, spogliata di vera sapienzia, tutta piena di sagacitá e usi corporei. E cosí come, quando la luna è piena e in opposito al sole, e gli astrologi dicono che allora