Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/142

136 ii - de la comunitá d’amore


Filone. Cosi è: perché il vero Cupidine, che è passione amorosa e integra concupiscenzia, si fa de la lascivia di Venere e del fervore di Marte, e perciò il dipingono fanciullino, nudo, cieco, con l’ale e saettante. Lo dipingono fanciullino, perché l’amore sempre cresce ed è sfrenato, come sono i fanciulli; il dipingono nudo, perché non si può coprire né dissimulare; cieco, perché non può vedere ragione nissuna in contrario, ché la passione l’accieca; lo dipingono alato, perché egli è velocissimo, ché l’amante vola col pensiero e sta sempre con la persona amata e vive in quella; le saette son quelle con le quali egli trapassa il cuore degli amanti, le quali saette fanno piaghe strette, profonde e incurabili, le quali il piú de le volte vengono da li corrispondenti raggi degli occhi degli amanti, che sono a modo de saette.

Sofia. Dimmi ancora come Venere parturì di Mercurio l’ermafrodito.

Filone. Tu dèi sapere che li poeti dicono che Mercurio nacque di Cielo e di Die e che è fratello di Venere, e secondo altri, il fanno figliuolo di Iove e nutrito da Iunone; il qual Mercurio dicono essere dio de l’eloquenzia, dio de le scienzie massime (matematica, aritmetica, geometria, musica e astrologia), dio de la medicina, dio de li mercanti, dio de ladri, nunzio di Iove e interpetre degli dèi, e le sue insegne sono una verga circondata da uno serpente; e da queste intenzioni molte favole si narrano di lui. Ma in effetto il pianeta Mercurio influisce queste nature di cose, secondo la sua disposizione ne la nativitá de l’uomo: onde se egli vi si truova forte e con buono aspetto, dá eloquenzia, eleganzia e dolce parlare, dottrina e ingegno ne le scienzie matematiche, e con l’aspetto di Giove fa filosofi e teologhi, e con buono aspetto di Marte fa veri medici e con mal aspetto fa ladri o tristi medici, massimamente quando è combusto dal sole (onde viene la favola che rubbò le vache d’Apolline, e dicono che generò di Lichione Antolomo ladro); e con Venere fa poeti, musichi e versificatori, e con la Luna fa mercanti e negociatori, e con Saturno dá profondissima scienzia e vaticinio de le cose future: perché egli di sua natura è mu-