Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/121


amore di pan per siringa 115

vertita in calami, ovvero canne padulari; e odendo Pan, che la seguiva, il suono che il vento faceva percotendo in quei calami, senti tanta suavitá d’armonia che, per la dilettazione del suono e per amore della ninfa, pigliò sette di quelli e con cera li congiunse insieme e fece la fistula, suave istrumento da sonare.

Sofia. Vorrei saper da te se li poeti in questo hanno significato qualche allegoria.

Filone. Oltre il senso istoriale d’uno silvano d’Arcadia, il quale essendo innamorato si diede alla musica e fu inventore de la fistula con li sette calami congiunti insieme con cera, non è dubbio che ha un altro senso alto e allegorico, cioè che Pan, che in greco vuol dire «tutto», è la natura universale ordinatrice di tutte le cose mondane: le due corna che ha in fronte, che si stendono fin al cielo, sono li dui poli del cielo, artico e antartico; la pelle macchiata che ha indosso è l’ottava sfera piena di stelle; la faccia ignea è il sole con gli altri pianeti, che in tutti son sette, si come ne la faccia son sette organi, cioè dui occhi, due orecchie, dui buchi del naso e la bocca, li quali (come di sopra abbiamo detto) significano gli sette pianeti; li capegli e la barba longa pendente sopra il petto sono i raggi del sole e altri pianeti e stelle, che pendono nel mondo inferiore per far ogni generazione e mistione; li membri bassi e rozzi son gli elementi e li corpi inferiori, pieni di grossezza e di rozzezza a rispetto de li celesti; fra’ quali membri li piedi son caprini, perché li piedi de le capre non caminano mai per la via dritta, ma vanno saltando e traversando inordinatamente: tali sono i piedi del mondo inferiore e li suoi moti e trasformazioni d’una essenzia ne l’altra transversalmente senza certo ordine, de le quali rozzezze e inordinazioni son privi li corpi celesti. Questo è il significato della figura di Pan.

Sofia. Piacemi: ma dimmi ancora il significato del suo amore con Siringa, che è piú del nostro proposito.

Filone. Dicono ancora che questa natura universale, cosí grande potente eccellente e mirabile, non può essere priva di amore; e però amò la pura vergine e incorrotta, cioè l’ordine stabile e incorruttibile de le cose mondane, perché la natura ama