Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/118

112 ii - de la comunitá d’amore

inferiore, ove oggidi è la sua abitazione. Onde segue la fabula che, essendo pur in questo parto del litigio il caos gravato con sudori e sospiri focosi, seguitò la mano di Demogorgone, e trasse del suo ventre Pan con le sorelle Parche: intende per quegli affanni ne la nativitá del litigio le nature de’ quattro elementi contrari, e per la gravazione intende la terra che è la piú grave, e per il sudore l’acqua, e per li sospiri focosi l’aere e il fuoco. E per la cagione e rimedio de la fatigazione di questi contrari la potenzia divina produsse del caos il secondo figliuolo. Pan, che in greco significa tutto, per il quale intende la natura universale ordinatrice di tutte le cose prodotte dal caos e quella che pacifica i contrari e gli accorda insieme: onde Pan nacque doppo il litigio, ché la concordia succede a la discordia e viene di poi di quella. Produsse ancora con lui le tre sorelle Parche, chiamate Clotos Lachesis e Atropos, le quali Seneca chiama fate: e per quelle intende tre ordini de le cose temporali, del presente, del futuro e del preterito. Le quali dice che Iddio fece seguaci de la natura universale, perché Clotos s’interpreta voluzione de le cose presenti ed è la fata che torce il filo che si fila di presente, Lachesis è interpetrata protrazione (che è la produzione del futuro) ed è quella fata che attende quel filo che resta per filare nella rocca, Atropos s’interpreta senza ritorno (che è il preterito che non si può tornare) ed è la fata che ha filato il filo giá raccolto nel fuso; e si chiamano Parche per il contrario, perché a nissun perdonano. Dice di Pan che fu posto su la sedia per comandamento di Demogorgone, perché la natura esercita l’ordine divino e la sua amministrazione ne le cose. Poi segue la generazione di Demogorgone a un sesto figliuolo chiamato Polo, che è l’ultima sfera che volge sopra i due poli artico e antartico, e un altro settimo chiamato Fitone, che è il Sole, e un altro ottavo che fu femmina, cioè la Terra, la quale è il centro del mondo. Questa terra dicono che ha parturita la notte, perché l’ombra de la terra causa la notte. Ancora intende per la notte la corruzione e privazione de le forme luminose, la quale deriva da la materia tenebrosa. Dicono che la Fama fu la seconda figliuola de la Terra, perché la terra