Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/115


demogorgone come demiurgo 109

Questa è la favola di Demogorgone; ancora che Omero nella Iliada applichi la generazione del litigio, o ver de la discordia, a Giove per figlia, de la qual dice, perché fece dispiacere a Giunone ne la nativitá d’Auristeo e d’Ercole, che fu gittata di cielo in terra. Dicono ancora che Demogorgone generò Polo, Fitone, Terra ed Èrebo.

Sofia. Dimmi il significato in questa fabulosa generazione di Demogorgone.

Filone. Significa la generazione, ovvero produzione, di tutte le cose dal sommo Dio creatore; al qual dicono essere stata compagna l’eternitá, perché egli solo è il vero eterno, poi che è, fu e sará sempre principio e causa di tutte le cose, senz’essere in lui alcuna successione temporale. Gli dánno ancora per compagna eterna il caos, che è (secondo dichiara Ovidio) la materia comune, mista e confusa di tutte le cose, la quale gli antichi ponevano coeterna con Dio; de la quale esso (quando li piacque) generò tutte le cose create come vero padre di tutte, e la materia è la madre comune a ogni generato: in modo che questi pongano solamente eterni e ingenerati li dui parenti di tutte le cose, l’uno padre e l’altro madre. Ma ponevano il padre causa principale e il caos causa accessoria e accompagnatrice; ché di questo medesimo modo pare sentisse Platone, nel Timeo, de la nova generazione de le cose per il sommo Dio produtte de la eterna e confusa materia. Ma in questo si potrebbero riprendere: perché, essendo Iddio produttore di tutte le cose, bisogna ancora che abbi produtto la materia de la quale sono generate; ma si debbe intendere che essi significano che per essere stato il caos in compagnia di Dio ne la eternitá, essere da lui produtto ab eterno, e che Dio producesse tutte l’altre cose di esso caos di nuovo in principio di tempo (secondo l’oppinione platonica); e chiamanla compagna, non ostante che sia produtta, per essere produtto esso caos ab eterno e trovarsi sempre mai in compagnia di Dio. Ma per essere compagna del creatore ne la creazione e produzione di tutte le cose, e sua consorte ne la loro generazione (poi che quello è stato immediate produtto da Dio, e l’altre cose tutte sono state produtte da Dio e da