Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/69


xxv - anonimi 63

VII

Ammonisce i guelfi a fuggire la potenza di Cangrande della Scala.

Guelfi, il gran prence nobil di Sterricco
poi c’ha ’l gran Can raccolto in le sue braccia,
convienvi allontanar, ché con gran traccia
4segui serete presto dal Diatricco.
E chi ci rimarrá tal avrá stricco,
che Morte no i torrá forte coraccia;
ma, come serpi l’un l’altro si straccia,
8si mal messo será qual è piú ricco.
Questa sentenzia vèn da Dio celeste:
ché voi e ’l vostro chiamar re Roberto
11lo mondo avi con crudeltá disperto.
Ma’l santo imperio, c’ha ben l’occhio averto,
vuol dar a’ suoi fedei gioiose feste,
14e farvi in oriente aver gran peste.

VIII

Per la sconfitta dell’esercito della Chiesa sotto Ferrara.

Millitrecento cum trentatri anni,
die quartodecimo e mexe d’avrile,
venne tra l’oche l’anno bixestile,
4che letar pò cum lur duluri e danni;
e de Romagna tuti qui tiranni,
che ’n tradimenti sum gente subtile,
e de Bologna una brigata vile,
8che combater volean cum i alamanni.
La vipera crudele viturioxa
col cane de la Scala ardito e fello
11e l’arma de la croxe furioxa
cossi pelárno l’anserino ocello.
Volesse Deo che stato li fosse
14lo re Zovanni, tra quelle percosse!