Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, 1940 – BEIC 1927337.djvu/69


VII

CECCO ANGIOLIERI



I


È derubato dalla sua donna e per di piú ingiuriato dagli altri e da lei.


     — Accorri accorri accorri, uom, a la strada!
— Che ha’, fi’ de la putta? — I’ son rubato.
— Chi t’ha rubato? — Una, che par che rada
come rasoi’, sí m’ha netto lasciato.
     — Or come non le davi de la spada?
— I’ dare’ anzi a me. — Or se’ ’mpazzato?
— Non so’; che ’l dá? — Cosi mi par che vada:
or t’avess’ella cieco, sciagurato! —
     — E vedi che ne pare a que’, che ’l sanno?
— Di quel, che tu mi rubi. — Or va’ con Dio!
— Ma anda pian, ch’i’ vo’ pianger lo danno.
     — Che ti diparti? — Con animo rio.
— Tu abbi ’l danno con tutto ’l malanno!
— Or chi m’ha morto? — E che diavol sacc’io? —