Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/97



CANTARE PRIMO

2
Colui che da Giovanni ebbe il battesmo
in nel fiume Giordano, ignudo nato,
il qual principio fu del cristianesmo,
che dei nostri peccati ci ha lavato,
prestimi aiuto lui, ché io medesmo
so ch’io non sono a tal mestier usato;
pertanto presti grazia a mia memoria
ch’i’ possa raccontar la bella istoria.
2
Dapoi che siete venuti a ascoltare,
io vi vo’ dire una bella novella;
istate tutti attenti al mio parlare,
ché so ch’a tutti la vi parrá bella.
In ogni luogo sì vorre’ cercare,
pel mondo tutto, per cittá e castella:
«perché gli è dato ad ogni creatura,
come gli è nato, a ciascun sua ventura»;
3
ma vuoisi se non è nella sua terra
cercarne un’altra, tanto che la trovi,
e non temer fatica, affanno o guerra.
Rado s’ha il ben, se prima il mal non provi,
e vuolsi passar monti ed ogni terra,
ché, se se’ pigro e sempre un luogo covi,
tu non la troverai, questo ti provo,
se tu stai saldo e mai esci dal covo.