Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/83


cantare secondo 77


8
— Sed egli è ver quel che voi detto avete,
un gran tesoro vale, in fede mia. —
Ed il piú antico disse: — Or vel mettete,
voi vederete s’ella così sia. —
Ed ei sei misse e disse: — Or mi vedete?—
— Non ti vediamo — il malandrin dicia.
Prese di quei fiorini a suo piacere,
di niuna parte lo potean vedere.
9
E Liombruno non tardò niente,
el mantello e gli usatti n’ha portati.
Ciascun de’ malandrin restò dolente:
sopra el piú antico si fûrno crucciati,
dicendo: — Gli è tuo amico o tuo parente,
che per tal modo via ne l’hai cacciato. —
Il piú antico disse: — Nol conosco,
nol viddi mai, se non in questo bosco. —
10
E non gli valse scusa ch’e’ facia,
che pur al tutto non volson udire,
dicendo: — Pur tu l’hai mandato via,
per ritrovarlo poi al tuo desire! —
Forte infiammato, ciascuno venia,
con le spade il cominciono a ferire,
in cotal modo che costui moríe
suso quel prato e sua vita finíe.
11
E, fatto questo, si furon voltati
suso la pietra, ov’erano i danari,
e, vedendo com’erano scemati,
tutti a due se n’ebbono a crucciare,
dicendo l’uno a l’altro: — Gli hai rubati! —
e con le spade comincionsi a dare.
Li colpi furon valorosi e forti
ché in quel prato ambidue restaron morti.