Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/82

76 iii - liombruno


4
Perché il mantello lo voleva l’uno,
l’altro gli usatti non potea accordare,
il terzo, disse, rimaneva al bruno;
e tutti se n’avevano a crucciare.
Intanto li passava Liombruno.
Quando lo vidder, tutti hanno a gridare,
e il piú antico di loro lo chiainòe,
e Liombruno prestamente andòe.
5
E sí gli disse: — Amico valoroso,
in queste cose ponci providenza.
Questo mantello è tanto grazioso;
di questi usatti sappi la credenza. —
E Liombruno a lor ebbe risposto:
— Acciò che possa dar giusta sentenza,
la virtú del mantel voi mi direte
e degli usatti, poi che lo sapete. —
6
Un di lor due, ch’era il piú saputo,
a Liombruno si prese a parlare,
e si gli disse: — Tu sei proveduto:
chi lo mantello adosso avrá a portare
da uom del mondo non sará veduto;
di questi usatti ti voglio contare:
e chi gli ha in piè, cammina come il vento,
perché son fatti per incantamento.
7
Liombrun disse: — Giá nol crederia,
se primamente non gli ho a provare. —
Il piú antico sí gli rispondia:
— Or te gli metti, e si comincia andare,
alquanti passi fa’ per questa via. —
Ei se gli messe senza dimorare.
Da poi che fu calzato Liombruno,
ei del mantello domandava ad uno.