Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/69


cantare primo 63


8
E poi chiamò il suo figliuol minore
nella barchetta e con seco il menòe;
dentro del cuor n’aveva gran dolore,
e, navigando, a l’isola arrivòe,
della barchetta si lo trasse fuore,
dicendo: — Aspetta sin ch’io torneròe. —
Cosí lasciò il figliuol con tale inganno,
che non avea passato l’ottavo anno.
9
Quel buon uomo di quivi fu partito,
ché del figliuol non vuol veder la morte.
Il grande diavol quivi parse, ardito,
e via lo vuol portar per cotal sorte.
E quel fanciullo forte fu smarrito,
ché non avea nessuno che ’l conforte;
ma per virtú di Cristo si facia
il segno della croce, e quel fuggia.
10
Rimase quel fanciul con gran paura,
solo soletto su quella isoletta.
Guarda e vi vide sopra nell’altura
una donna, ch’è in forma di donzella,
e un’aquila pareva in sua figura.
Ed al fanciullo se ne venne quella
e sí gli disse: — Non ti dubitare,
ché di questa isoletta ti vo’ trare. —
11
Disse il fanciullo: — Non mi vo’ partire,
perché mio padre qui debbo aspettare. —
L’aquila allora sí gli prese a dire:
— Dov’è tuo padre, ti vuo’ ben portare. —
E prese quel fanciul, senza mentire,
sopra nell’aria cominciò a volare,
e tanto in alto l’aquila il portòe,
sí che e’ capegli al fanciullo abbruciòe.