Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/48

42 ii - pulzella gaia


44
Allora la Pulzella con pietade,
per camparlo da morte e darli vita,
tosto si corse inver’quelle contrade;
drappi di seta nera fu vestita.
Molto gioiosa per quei sentier vade;
mai non fu vista donzella sí ardita.
E, per camparlo, lei si messe in via
con molta gente e gran cavalleria.
45
E la Pulzella fece suo’ richieste,
ben trentamila giovani donzelle;
tutte di seta nera fûr suo’ veste,
e quelle eran lucenti piú che stelle;
e via cavalcan per ogni foreste.
Ben eran venti schiere tutte belle;
ciascuna aveva mille cavalieri,
e buone arme e correnti destrieri.
46
Allora la Pulzella molto presta
tostamente cavalca in quella parte,
appresso a Camellotto senza resta,
secondo come dicono le carte;
tamburi e trombe, che parea tempesta;
e queste gente fea venir per arte.
Lo re Artú, quando questo ascoltava,
al buon Galvano la morte indugiava.
47
Tutti li cavalier della ventura
vedere andavan quella turba magna.
Tosto elli corson, preson l’armadura,
e cavalcâro verso la campagna.
Di quella gente avevan gran paura,
ché coverto era ’l piano e la montagna.
Messer Galvan davanti dalle schiere
feridor lui vuol esser lo primiere.