Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/387



di curiosila letterarie]. Questa edizione è condotta su M ed è anonima. Preparando il testo di questo voi., ho tenuto sott’occhio que- sto libretto moderno [S] e l’edizione del Cinquecento [M]. Eccone le varianti piú cospicue: I, 5 M perle cuile labbra; S perre cui le. Per ristabilire la misura del verso, sostituisco «per la quale» — IV, 8 M secondo — VI, 3-4 S sua; M. sua gentileza e genolosia | non acchador ma per terra & per mare — VII, 8 M beltá — Vili, 2 MS si che ella — 3 M seppe — IX, 4 MS al suo — 6 MS sua beltá, sua belleza gloriosa — X,3 M ai — 6 MS suto t’è. — XI, 2 M posti — 4 M risposti—5 M che pur Cerbin oncerto — 6 M costi — XIV, 2 M legadra — 5 fne] — XVIII, 7 S venisse ch’ella n’andasse — 8 S voler per forza rapirla — XXI, 2 M ognun — XXIV, 3 M in Gra- nata bisognava che andassi — 5 M che’l sapporasse — XXVIII, 6 M due galee soctile—XXX, 7 MS prima a dire — XXXI, 1 M a voi — XXXIV, 2 [a] — XLVIII 2 M parebe — L, 5 [èj ferito — LXXIII, 8 M antroposse — LXXIV, 2 a[d] — LXXIX, 6 M estice S estinte (sic) — LXXX, 8 M respondeam’ecco — LXXXI, 1 M Non — 3 M Non resterano che sempre geme e prora — LXXX 1 I, 5 M incontro S incontro ti sarò — LXXXIX, 1 MS virtú — 7 M corpo mio la mia — 8 M che spento sia la tua famosa fortezza — XCII, 4 M dolci carmi.