Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/378



E Quando fu il tempo, di che fu agravata — 4 U segretamente un figlino! ch’ella fe’; E cielatamente un fanciul fe’ —6 UE con esso in camera si fu — 7 UEle — XXVII, 4 M fuora la ne mandò; U fuor la mandò — 5 M che collo trastulla — 6 U ridendo; E guardando — XXVIII, 1 K dame ; U ella legre^a delle donne fu — 3 U la novella tra — 5 U armeg- giando in s. a; E armeggiaron — 7 U e ciasch. crede che maschio — 8 K de’ — XXIX, 1 U di — 3 U facea ; EM fecie — 4 U stare bene ad agio — 5 K e po che sendo a modo mascolino — 6 M la fe’ vestire di fine adoagio — 7 K parefva]; U (chede) pareva — 8 KME altro (mai)— XXX, 4 U e poi si ordino ched ei v. — 5 U Da poi — 7 E apresso fe* t. 1 . sua f.; U apresso fa— XXXI, 3 K chi’ temerò — 4 U danno né v. — 5 E potrá fare; U e t. non può — 8 KEM (e) s’io — XXXII, 3 U Come fu giunta si v. — 6 U poner — 7 manca in U. Dopo il v. 8 U ha il seg.: infine che insegnato no’ gli avrai — XXXIII, 1 U ma se voi fate si — 3 U non vi fará mestier; E non v’è mestier — 4 K quanto voi; E quantunque — 6 U che sol — 8 U farollo — XXXIV, 1 UE quando; E Ella fanc. poi che—2 U d’apprendere ciò ch’ella v. — 3 EU quando la madre — 5 UME rispondea; E ema — XXXV, 2 M si che l’era — 3 EMUK pari — 4 K in isc. — 7 M (n’) avea; E che in sé — XXXVI, 3 M presto — 4 U il suo figliuol; M ne men. ; E adobbasse — 5 U c. d. d’ un color — 6 U e a cavallo — 7 EU tornasse — 8 K e d’oro — XXXVII, 2 U ciò che comprese da quella scrittura — 4 K molti begli ; M ricco — 7 K chi figliorera ; U che si- gnor è onde li — 8 U piú che He — XXXVIII, 1 U cavalcaro per — 2 UEM si — 5 U che tutti — 6 U si gli andassono a fare — 8 M a altra gente a cavalcare fur — XXXIX, 1 EMÙ e la; M comando — 2 EU dovia — 4 U posare — 5 U [di] — 6 U si fu veduto si bel cioperare — 7 U e giunto il re—8 EU sarebbe; M non si potre’per me fare manifesta — XL, 1 EU e poi—3 U diceano — 5 U che ’1 padre naturale; KME certo; M sono — 6 M colle sue; EU lo fece —7 [eh’] — XLI, 1 U dimostrare — 3 U imparò a... ed a — 4 U era prò’ — 6 K bene arpe e 1 . — 7 M per l’uni- verso— 8 M per tutto e ogni verso—XLII, 4 M la mia figlia vuole — 5 M Perch’io; U e’no so— 7 manca in U; M voi s.; E confaccia— 8 In U l’ultimo v. è: «prima che morte di vita mi sfaccia» — XLIII, 2 E elle vert. —3 E suo conv. —5 U e bella d’adornenza; U sole dela pariscenza — 6 U lui ha in se ogni biltá — 7 U fuora non ha—XLIV, 5 U ond’elli l’accetta di buon — 6 M e disse — 7 K ciambra— XLV, 5 M alor prom.—7 U dicea: Non ciò facendo, parria sdegno—8 M diserto ne sará ’l tuo — XLVI, x U lore fece — 6 U d’offendere al padre celestiale — 8 M vuo’ far — XLVII, 1 K preso — 2 E ap. e fe’— 3 M onde tutta la g. — 4 U ambasciata — 5 U lo con. e ’l — 6 U caminare fe’ — 8 KEM diciendo ingenochiossi — XLVIII, 1 M Reina tu non mi vedi — 2 M onde mi dá la tua benedizione — 3 U si trasse gran — 4 U cotal — 5 U ov’ai — 6 M e la discrezione — 7 EM rispuose la reina— XLIX, 1 U la donna uccisi e ne son — 2 U del signor — 4 U né faccia ciò che ’1 ; E