Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/375



d’Or. considerava le gioie della vita quali una proprietá indivisibile per tutti gli uomini» — 5 U di morir — 7 M per acertar la fate che in pers. — 8 UM dinanti — IX, 1 M fé — 2 EM a chonsigliare — 3 U tra ciento — 6 EM quanto poteron perché la — 7 E sotto la pena del fuoco la si muovesse — 8 M segnale pap. — X, 1 U caminò — 2 M questa — 5 U chè disiato ò sopra l’altre — 6 U ho sempre mai di fare — 7 EM e quelle — 8 E tene; M po’ le—XI, 3 M c’ogn’uom—5 E raccontolli — 7 EM che ella—XII, 1 E-ave— 3 E addomandandol della sua adornezza; M do- mandollo — 4M ond’e’ rispuose, el mess. ; U savio messaggieii — 5 U sua savezza — 7 Bonucci: «lo nobil baronaggio e lo suo avere», smentito da EMÙ — XIII, 1 U ludiva subito contare — 2 U e Bon. : crescea la voglia — 3 E al p. and. a rachord.; U rammentare — 4 U e Bon. un termine — 5 U e Bon. Sed ella viene fatela; M ispogliare —6 E Se non v’è colpa faccilisi — 7 U c Bon. fgiá) — 8 U e Bon. (si) son poscia — XIV, 1 U e Bon. Veg- giendo {sic) il papa — 4 U e Bon. soppena — 6 UE farò; Bon. fece — XV, 1 E va ve va — 2 U e baroni — 6 U in sign. — 7 U ed altre donne rimase; M vedove e figlie; E vedove donne rimase — 8 E marchigiane — XVI, 1 U e Bon. li ebbe in p. ; M raunato a suo modo il p. — 2 Bon. si fu — U lalta reina sicome saputa; ma questo verso appartiene all’ott. XXXI, 2 — 4 M gl’avia data; U che dal papa avia avuta — 5 M proponi- mento — 7 U a voi p. ; 8 M uno gran chonte — XVII, 1 U dissele: reina — 3 U duomiglia — 5 EM sedio fallassi — 6 E a me — 8 E chi contradicie acciò — XVIII, 3 EM e io — 7 E di parlatore; U del perlatoro — 8 EU bar- bassoro — XIX, 1 Ue Bon. lo quale — 2 E di vero; M. neneri —5 E morir se io con loro presente — 6 E diece milia — 8 M la pr. ; U cavai, e chi pedoni. — XX, 1 E Ella li ringr. — 3 U e disse — 6 EMÙ nel mondo — 7 E ora mi ; M ormai mi — 8 M che pare a voi — XXI, 2 U andava piú l’uno che l’altro volentieri — 3 U e della — 4 U piangeano donne — 5 E le ordin.— 6 M ar- mati dieci — 7 E e la metá —XXII, 1 EM E la reina. Mi attengo ad U, nono- stante la concordia di EM, perché l’espressione: «l’alta reina» è costante nel cantare (cfr. XVII, 1; XXXI, 2; cant. sec., XIV, 2; XXIII, 8; XXVI, 2) — 6 M contrada — 7 U onde ciascun si parti; M e tutti si partiron —8 E ella duchessa — XXIII, 1 E E voi singnori perche siate ; M che vo siete — 3 U con trentamilia. Dall’ott. XXI, 6 sappiamo con certezza che i cavalieri della scorta erano in numero di 10000 — 4 E gagliardi tutti quanti e pien di posse; M che di sea tanti non teme niente — 5 U e di pedoni assai annominati — 7 M mantello — XXIV, 3 M musiche — 4 U [ch’]allor — 6 E giorno — 7 M chiuse di scarlatto — XXV, 3 ME neri turchi — 6 U con molti suoni — 7 M in su ogni — 8 E dove che l’arme — XXVI, 1 U Nel mezzo avea; M Appresso a questo un charro — 2 U tirato; E il qual tirava ; M tiravan — 3 E come ; M piú che — 7 U di pietre e gemme aveva la cort. — 8 E vi — XXVII, 2 UM e camp. — 3 E per dodici R. — 4 E El ; M Chol — XXVIII, 1 E chorrava — 2 E luciano; M lutiano—4 U me- nava oro e argento — 5 U fiume anzi era di — 7 M e correva pel suo; E e