Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/365



titolo rimasto a mezzo: «Comincia...», e finisce a c. 157 a: «Amen». Il testo di P fu pubblicato nel 1868 da F. Selmi: Gibello, no- vella inedita in ottava rima del buon secolo della lingua, Bologna, dispensa xxxv della Scelta di curiositá letterarie. L’edizione del Selmi [S] è ben differente delle solite ammannite in quegli anni; nonostante la prolissitá e l’inutilitá di molte, troppe note linguistiche e qualche svista, può giudicarsi buona e corretta. Delle correzioni che ho introdotte nelle lezioni del codice darò qui l’elenco, riproducendo le varianti del cod. P\ I, 3 se’lucente — 4 sovente chiave—5 grafia a mia [segno di la- cuna] favella— II, 1 Cantare anticho vivo chon alegr. — 4 e guera mantenea a torto — 7 qual gli partoriva la fa — III, 6 chella... gunto — 7 in una: S in ’na t con aferesi, a fine di ricondurre il verso a giusta misura» (p. 41) — 8 perlqualore dall un sconfitto foe — VI, 3 sacreta — 7 e per gittarlo al mare portollo (verso di io sillabe) — 8 [e] — VII, 3 adun — 5 facevallo — 7 cha- varollo dereame — 8 portarono — VIII, 5 chede piú — 6 fallo — 8 beitela nuone — IX, 2 Gienudrisse (ma il verso ha 12 sili.) — X, 4 bello — 7 don[o] — XI, 1 [fur tolte] — 2, inamora...ne — 4 silo (si)—5 fchje — XII, 3 P [che] — XIV, 5 in P. il v. è lacunoso: «a molti fa... selle votare» —XV, 5 valentia. La mia correzione è resa certa del paragone con XXXIV, 1 — XVI, 3 P iscontrossi in un — 6 il v. è lacunoso: fier lui... tostane — XVIII, 1 sa- piamo — 4 essere — 5 udendol — XX, 3 chella — XXII, 4 volea la testa che gli si tagliasse — 8 ma [a] — XXIII, 5 donerallo amore : sostituisco «cuore» per evitare la ripetizione della rima del v. 3 — XXV, 1 Gibello di XVJ — XXVI, 1 valle —3 (e) nel — 4P quel... lo guardava — 6 lasciar non vi passava — XXVII, 4 quale — 7 ne — XXVIII, 5 [che], sott.: «dico» — 6 a forzar— XXIX, 6 rupo — XXX, 5 fu laniere — XXXII, 2 quel[lo] — XXXIII, 3 insunun—XXXIV, 1 pienfo] — 3 fedeltá non giurerei—ó domandale] — XXXV. 6 giurerotti; — 8 fede — XXXVI, 2 Iioncel(lo) — 8 inanella — XXXVII, 5 volentier — XXXVIII, 6 fufnne] ; — 8 (ilj — XXXIX, 8 [egli è] — XL, 2 lo fé; — 3 daUun — intorno ai vv. 7-8, si veda la fine di questa nota al cant. VI — XLI, 7 [E] per... [in]—8 Argholosa — XLII, 5 [Edj... [suo] — 7 [ne] volle ascoltar(e); e cosi il verso non corre perché ha l’accento sulla quinta — XLIII, 2 eare — 3 avea gravi — 7 gri daron — XLIV, 3 (suo) popolo — 5 ducha df rpentina infrondente — 6 [piú]—XLV, 2 P [si] — 8 gioia — XLVI, 2 [ch]é; — 3 diceva — 8 are — XLVII, 3 disio io —4P [di] — XLV III, 1 in suo — 5 potessi fare; —6 puru — XLIX, 2 don — 4 e(d) — L, x Gibel — LI, 3 gli contaro — 8 aveano — LII, 1 furon — 3 [ne]... [suoj — 5 porti aperti... ad esso — 8 P vegiendo venire — LIII — 4 [ed] — 7 P Gibel — 8 S fidando : «lascio la lezione del codice non