Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/364



di te — 7 Da quella e come el modo tiene a gire a ella; E e il modo che tiene quando uza con quella — 8 E sole hovero stella—LIII, i E E q. il duca — 3 E artatamente — 4 E che; D Iddio — 5 E qual è — 6 DE nimica — 7 E Amor mio b. — 8 E io non — LIV, 5 E e contolle l’affare oltra misura — 6 D chome per messaggio avieno; E la c. — 7 E li vide sciender — 8 D tennono — LV, 1 E Ma — 2 E che la — 3 E avea giá il giorno — 4 D [fuor]; E quand’ella usci — 6 E sembiansa — LVI, 1 E in quel punto — 2 E ghai — 4 E guiza d. dama — 5 E Ella rispuose — 7 D rispuose alpresera — 8 D mestiera—LVII, 2 E e aver — 4 E allegrezza — 6 D [che] chon — 7 E e la donzella udendo ; D la fantina — 8 E non risp. — LVIII, 1 E gissene nella sua sambra — 2 E come colei che per dolor — 4 E e preg. —5 E siccom’edelerita — 8 D Bellitie; E Bel- lisse — LIX, 1 D spada igniuda — 4 E (che) — 7 E de la mia morte sará testimoni; D e di mia morte tussia — 8 E davanti al duca e a tutte persone — LX, x E poggiò — 2 E il suo cuor poggio; D e achonciossi il chore per me’ la punta — 4 D sono io oggi — 8 E spinse giuso la spada e misesela al cuore— LXI, 1 E ch’udito avea — 2 E quivi dall’uscio il pianto e ’l lagrimare — 4 D aggire; E entrare — 5 E quando senti il sospiro del gran tormento — 6 D quand’(ella); E ella venne al passare — 7 E dentro entro... finita — 8 E a sé toglie — LXII, 1 E tutte — 2 E truvorom finita la luciente — 4 D da— 7 D prima — 8 E oimè — LXIII, t DE [E] — 3 E II duca chiamò; D e chiamando — 4 E ch’io merito morir — 5 E in ogni—6 E l’apresso — 8 D del cuore; E per morte — LXIY, 3 E amendue — 4 E ne — 5 E ne — 7 EF firn di simile crimine — 8 EF colla Francesca di Pagolo da Rimine — LXV, 2 E im p. come ho — 3 E alpestra — 7 D pella sua difetta —8 D e di quello fecie el duca giustitia dritta — LXVI, 2 D ballava — 3 E sambra — 4 D ballava — 6 E e fu punita allor della ria fama — 7 E tagliolle — LXVII, 2 D fecie soppellire e chorpi — 4 D facieba [tutta] —6 D chuore— LXVIII, 3 D e[d] — 8 D [rejstando—LXIX, 1 D (che) avete — 2 E che fu quel di costor per la malisia. In E i vv. 5-8 sono cosi : E doppo questo andò in pellegrinaggio per merito di chotanta nequisia e poi andò a far ghuerra ai saracini. Dio ci conduca tutti a buon confini. VI Gibello è contenuto in un solo ms. : P. — Bibl. Laurenz.. cod. Palatino CXIX, scritto da piú mani del sec. xv e xvt. La coperta di pergamena reca la data «Mccccviiii 0 a di x di febraro». 11 cantare di Gibello comincia nella seconda colonna della c. 152, col