Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/350



III Del cantare di Liombruno non si conoscono manoscritti, ma moltissime stampe antiche e preziose: 1. Historia di Leon Bruno —6 cc. a caratteri gotici, s. n., reg.: Ai - Aiii. — Incom.: Omnipotente dio che nel cielo sei padre celeste salvator beato che cuw tua mano tuto el mondo fei el tuo saper rege in ogni lato. Finisce (c. 6 b): al nostro fin dio ce dia gloria al vostro honore he dita questa istoria. Laus Deo S. a., ma del sec. xv; appartiene alla Biblioteca Melziana di Milano. 2. La historia deluombruno — In-4 0 , caratteri rotondi, sei carte a due colonne di 40 11., della fine del sec. xv. È cosi de- scritta nel catalogo Libri del 1847 [n. mi], e dal Brunet ( Manuel , 11, 590): ha due figure in legno. 3. Historia di Lionbruno — s. 1 . n. a. (ma ed. a Roma. Eucharius Silber, c. 1485). In-4 0 , 4 ff.; reg. A - Aii, a due co- lonne di 52 1 ., caratteri semigotici. Dopo il titolo (c. r a) in ca- ratteri maiuscoli: «Historia di Liombruno», segue una xilografia e poi la prima ott.: [o]Mnipotente Dio che nel ciel stai padre celeste salvator beato. Fin. a c. 4 b, col. 2*: «Finis». — È posseduta dalla Biblioteca Trivulziana di Milano, Misceli, voi. v, n. 6 ; cfr. D. Reichling, Appendices, n. 1754. 4. Historia di Lionbruno — s. 1 . n. a. (ed. a Roma, Joanne Besicken et Sigism. Mayer, c. 1495). In-4 0 , caratteri semigotici, di sei tf. non num.; reg. aii - aiii. 2 coll, di quattro ottave e