Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/340



AVVERTENZA Siamo dolenti che 1 * indole della presente raccolta ci abbia costretti a pubblicare soltanto una parte della lunga e dottissima nota, che ci aveva inviato l’amico Levi. E purtroppo abbiamo dovuto invitare il nostro va- lente collaboratore a dare in altra sede proprio ciò che del suo studio offriva maggiore interesse, vale a dire una paziente e acuta indagine circa le fonti, gli autori e le date dei singoli cantari da lui pubblicati. Il risultato della quale è che Bel Gherardino fu scritto circa il 1340-50 (è citato nel Cordacelo)] Pulzella gaia è di poco posteriore, perché è citata nella Sala di Malagigi ; Liombruno fu scritto alla fine del sec. xiv; la Storia dei tre giovani nel Quattrocento; La Donna del Vergiú nella prima metá del Trecento, perché è citata nel Decamerone ed è la fonte indubbia degli affreschi del palazzo Davanzati; Gibello è anteriore al 1390, probabile data dai Reali ; i cantari di Bruto di Brettagna , del Gismirante , di Madonna Leonessa e della Regina d’Oriente sono di Antonio Pucci (m. il 1388); il cantare di Madonna Elena è contemporaneo a quello di Liombruno ; quello di Cerbino fu composto probabilmente dall’Altissimo alla fine del secolo xv o ai primi anni del secolo xvi. La Direzione.