Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/289


40
Poiché partito fu l’agnol veloce,
e la reina, come gli avea detto,
si fece in fronte il segno della croce,
ed andonne al vicar di Macometto.
E, come giunse a lui, ad alta boce:
— Ver bum caro — gridò; e ’l maladetto
con sua gente spari immantenente,
lasciando un corpo molto puzzolente.
41
Come fu dileguato Ronciglione
co’ porci, che l’andavan seguitando,
cominciáro a uscir fuora le persone,
ch’eran fuggite prima spaventando.
E* sacerdoti con gran divozione
andavan per la terra predicando,
dicendo: — Immaginate che governo
den’ far costor deH’anime d’inferno.
42
E immaginate che mille cotanti
son piú feroci gli altri che vi stanno!
E sempre stride e dolorosi pianti
fanno color che a quelle pene vanno.
Desiderate udire e’ dolci canti
che ’n paradiso e’ santi angioli fanno:
ma chi qui de’ peccati non si pente,
non puote andar fra si beata gente. —
43
E lo re d’ogni ingiuria rendè pace,
e per pietá la volle aver sofferta,
e ribandi colei che fu fallace
contro lui molto, ciò fu donna Berta,
ch’era gran tempo stata contumace,
dovendo della vita esser diserta;
la qual, pentuta de li suo’ peccata,
fe’ poi tal vita ch’ella fue beata.