Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/256


20
Appresso scrisse alla donna reale
in Oriente come il fatto istava.
Quando ella lesse la scritta papale,
fu molto lieta di ciò che contava,
perché aspettava l’oste imperiale,
de la qual cosa molto dubitava.
Quando sua gente la novella intese,
facean gran festa per tutto il paese.
21
La sera la reina di biltade
suo debito richiese al suo marito.
Rispuose il re: — Perché tal novitate?
Non mostri sanza quel tale appetito;
ché sián tant’anni stati in castitade
e or mi richiedi a si fatto partito. —
Ed ella disse: — Io ’l fo, perché di noi
nasca un figliuol che signoreggi poi. —
22
Udendo il re cosi buona ragione,
rispuose: — Tu di’ bene, al parer mio. —
Giacque collei, si ch’ella ingravidòne
in quella notte, come piacque a Dio.
E la reina poi il fatto contòne
a’ suoi baron, che n’aveano disio:
— D’un figliuol maschio io sono ingravidata;
onde di ciò si fe’ grande armeggiata.
23
E poco istante il re si fu ammalato
e in brieve si parti di questa vita.
Di ciò si fe’ lamento smisurato,
e gran gente di brun si fu vestita;
e non si vide mai corpo onorato
come fu quel d’adornezza infinita.
Po’ che fu soppellito, di presente,
l’alta reina amaestrò sua gente,