Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/173


80
E Io fratello ne fé’ gran sollazzo,
disse: — Io non vo’ che la rcina s’arda! —
Imantanente montò in sul palazzo
con quella gente ch’egli ha in sua guarda.
E ciascun de’ baron, se non fu pazzo,
e’ giovani ubidir niente tarda;
e lo re Tarsian mena gran duolo,
ch’a tal bisogno si ritruova solo.
81
Veggendosi cosi ’l re abbandonato
da’ suoi baroni, gran dolor n’avia.
Allor Gibello, savio ed insegnato,
co’ molta gente al padre se ne giá.
Davanti a lui e’ si fu inginocchiato,
umilemente parlava e dicia:
— Padre mio, a ragion or m’intendete
come dritta giustizia mi facete. —
82
E’l padre rispondea con gran dolore:
— Di’ ciò che vuoi, ched io l’ascolteròe. —
Allor Gibello rispuose e parlòne:
— A onor di Dio i’ si vel conteròe:
come non fu ’mpossibile al Signore
di fare Adamo, primo uom che formòe,
cosi non gli è ’mpossibile di fare
duo figliuol’ in un’ora in generare. —
83
E ’l padre disse: — Dolce figliuol caro,
tu m’hai mostrato il ver si apertamente,
ond’io cognosco e veggio puro e chiaro
che uno e duo sono in Dio possente. —
E gli baroni Iddio ringraziáro,
veggendo il re del vero conoscente.
Allora il re Gibel per man pigliòe,
allato a sé a sedere l’assettòe.