Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/171


72
Ella dicea: — Molto volentieri! —
Trassei fuor di prigion sanza tornare,
ed e’ mandò per gli suoi cavalieri
e in Serpentina egli i fe’ apresentare.
Quivi fúr giunti i nobili guerrieri,
sanza dimoro brigan cavalcare,
sotto la ’nsegna di Gibel sovrano
fúr alla corte dello re Tarsiano.
73
Tutta la gente tra’ per maraviglia,
quando vidon si bella baronia;
ed, isguardando la gente vermiglia,
ch’eran trecento in sua compagnia,
e i neri dugento erano in famiglia,
piú bella gente non si troveria.
Colla duchessa nella cittá entráro
presso alla corte del re Tarsiano.
74
Sotto sua insegna il nobile Gibello
per la cittá ognindi cavalcava;
chi lo vede’, l’assomiglia al fratello
e alle fattezze, ch’egli in sé portava.
E la reina un di mandò per elio,
e dond’egli era si lo dimandava.
Ed e’ rispuose e disse la novella
ch’e’ mercantanti il diéro alla pulzella.
75
E tutto il fatto a punto e’ le contòe,
di ritrovare sua gesta s’ingegna,
e come a Gienitrisse egli arrivòe
amantato di quella sua insegna,
e come la pulzella lo allevòe,
e come ell’era del suo amore degna,
e come l’have cresciuto e allevato,
come dal cavalier fu proverbiato.