Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/163


41
Noi lascerem Gibello in Serpentina
imprigionato, secondo la storia,
e direm della madre sua reina
e del re Tarsian, c’ha gran vettoria,
ch’ebbor consiglio tale una mattina,
dar moglie all’altro figlio con gran gloria.
E per consiglio eletta fu in isposa,
se ’n piacer gli è, la pulzella Argogliosa.
Il re fe’ imbasciadori, e cavalcáro;
sanza soggiorno a Gienudrisse furo,
la pulzella Argogliosa ivi trováro,
e l’ambasciata contar di sicuro.
Ed Argogliosa col suo viso chiaro,
che per Gibello avea lo cor si duro,
non ne volle ascoltar l’ambasciaria,
rispuose che marito non volia.
43
Da lei si dipartir gl’imbasciadori
ed al re Tarsiano ritornarsi
e disson ch’ella aveva gran dolori
e non volea quel tempo maritarsi.
E ’1 re coi suoi baroni, ne’ lor cuori,
di tal risposta forte infiammarsi;
gridáro a boce: — Oste le mandiamo
si che per forza, all’onta sua, l’abbiamo! —