Omaggio del Capitolo e del Seminario di Acqui a Giuseppe Marello/Serto poetico/Canto

Canto

../Canzone ../Ode 1 IncludiIntestazione 15 giugno 2012 100% Cristianesimo

Serto poetico - Canzone Serto poetico - Ode 1
[p. 39 modifica]


CANTO




Lungo fu l’aspettar Vostra Persona,
Che alfin contemplo in questo bel convegno
3Al vostro merto splendida corona.

Ed ora alzarsi in me dovrìa l’ingegno
A ritrarre del cuor l’almo contento,
6Se troppo in alto non vedessi il segno.

Ma occulto a Voi non è del cuor l’accento,
E ben splender vedete ogni sembiante
9D’un raggio, che d’amor vi dà argomento.

D’un raggio che in sua luce sfavillante
Annunzia amor che del pastore eletto
12Vagheggierà le doti eccelse, e sante.

E dico, che non sol del dolce aspetto
Vostro godrà; ma ancor dell’ampia dote
15Che il vostro cuor fa ricco, e l’intelletto.

[p. 40 modifica]

Poichè se al minister di Sacerdote
Scienza fa d’uopo con bontà di cuore,
18Ognuno in voi ben affisar si puote.

In Voi che ancora dell’età sul fiore
Aveste a gravi studi il pensier volto:
21E fu vostro gran vanto e grande onore,

Se l’arduo vero, e in fra mill’ombre avvolto
Al vostro ingegno non lasciaste ascoso,
24Avido di mirarlo aperto e sciolto.

Ma se tal dono fu per se prezioso,
L’alta virtù che in vostro cuor risplende
27Lo fa più bello ancora e luminoso.

Poichè siccome specchio a specchio rende
Della sua luce sì, che a chi lo vede
30Più lucido compare, e vivo splende;

L’alta bontà così, che in Voi risiede
Fa l’intelletto vostro sì splendente,
33Che omai di molto nostra vista eccede.

Ma oprando poi la luce della mente
Sulla bontà che posa in vostro cuore,
36Più la rafferma, la fa viva e ardente.

[p. 41 modifica]

Poichè mirando dritto al vero onore
Colla scienza la bontà s’infonde,
39Che l’alma abbella di divin splendore.

Or la bontà che in vostro cuor s’asconde
Dall’esterne sembianze anco traspare;
42Perocchè l’alma i raggi suoi diffonde

Nelle membra, e le avviva e le fa chiare:
E noi in contemplar sì lieto aspetto,
45Fedel ritratto di virtù sì rare,

Esclameremo con filiale affetto:
Oh! viva lieto il nostro Buon Pastore
48Che a questo bel ovile a lui diletto

Perenne oggetto fia di vivo amore.


R. G. B.