Apri il menu principale

Rime (Alfieri)/XIX - Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti

Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti

../XVIII - Bieca, o Morte, minacci? e in atto orrenda ../XX - S’ io t'amo? oh donna! io nol dirìa volendo IncludiIntestazione 29 aprile 2008 50% Poesie

Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti
XVIII - Bieca, o Morte, minacci? e in atto orrenda XX - S’ io t'amo? oh donna! io nol dirìa volendo

 

Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti
Occhi, che date a un tempo e morte, e vita;
Siate, ven prega l'alma mia smarrita,
Per breve istante a balenar più lenti.

5Di vostra viva luce in parte spenti
Bramo i raggi per ora, ond'io più ardita
Mia vista innalzi, e come Amor m'invita,
Lei con mie rime di ritrarre io tenti.

Voi, voi ne incolpo, se il soave riso,
10Se il roseo labro, e ad uno ad un dipinto
Gli atti non ho del suo celeste viso.

Ah, che a tropp'alta impresa io m'era accinto!
Questi occhi han me da me si appien diviso,
Ch'oltre mia lingua, ogni mio senso è avvinto.