Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCXCIX

Sonetto CCXCVIII Sonetto CCC

[p. 244 modifica]

SONETTO CCXCIX.


RIpensando a quel, ch’oggi il Ciel’onora,
     Soave sguardo, al chinar l’aurea testa,
     Al volto, a quella angelica modesta
     4Voce che m’adolciva, et or m’accora,
Gran meraviglia ò com’io viva anchora:
     Nè vivrei già, se chi tra bella e honesta,
     Qual fu più, lasciò in dubbio, non sì presta
     8Fusse al mio scampo, là verso l’aurora.
O che dolci accoglienze, et caste, et pie;
     Et come intentamente ascolta et nota
     11La lunga historia de le pene mie!
Poi che ’l dì chiaro par che la percota,
     Tornasi al ciel, chè sa tutte le vie,
     14Humida gli occhi et l’una et l’altra gota.