Apri il menu principale

Le confessioni di un ottuagenario/Cap. V

Capitolo V

../Cap. IV ../Cap. VI IncludiIntestazione 15 luglio 2014 100% Da definire

Cap. IV Cap. VI
[p. 204 modifica]

CAPITOLO QUINTO.


L’ultimo assedio del castello di Fratta nel 1786, e le prime mie gesta. — Felicità di due amanti, angosciose trepidazioni di due monsignori e strano contegno di due cappuccini. — Germano, portinajo di Fratta, è ammazzato, il castellano di Venchieredo va in galera, Leopardo Provedoni prende moglie, ed io studio il latino. Fra tutti non mi par d’esser il più infelice.


Gli è della storia della mia vita, come di tutte le altre, credo. Essa si diparte solitaria da una cuna per frapporsi poi e divagare e confondersi coll’infinita moltitudine delle umane vicende, e tornar solitaria, e sol ricca di dolori e di rimembranze, verso la pace del sepolcro. Così i canali irrigatori della pingue Lombardia sgorgano da qualche lago alpestre o da una fiumiera del piano, per dividersi, suddividersi e frastagliarsi in cento ruscelli, in mille rigagnoli e rivoletti: più in giù l’acque si raccolgono ancora in una sola corrente lenta, pallida, silenziosa che sbocca nel Po. È merito o difetto? — Modestia vorrebbe ch’io dicessi merito; giacchè i casi miei sarebbero ben poco importanti a raccontarsi, e le opinioni e i mutamenti e le conversioni non degne da essere studiate, se non si intralciassero nella storia di altri uomini che si trovarono meco sullo stesso sentiero, e coi quali fui temporaneamente compagno di viaggio per questo pellegrinaggio del mondo. Ma saranno queste le mie confessioni? O non somiglio per cotal modo alla donnicciuola che in vece de’ proprii peccati racconta al prete quelli del marito e della suocera, o i pettegolezzi della contrada? — Pazienza! — L’uomo è così legato al secolo in cui vive, che non può dichiarare l’animo suo senza riveder le buccie anche alla generazione che lo circonda. Come i pensieri del tempo e dello spazio si perdono [p. 205 modifica]nell’infinito, così l’uomo d’ogni lato si perde nell’umanità. Gli argini dell’egoismo, dell’interesse e della religione non bastano; la filosofia nostra può aver ragione nella pratica; ma la sapienza inesorabile dell’India primitiva si vendica dei nostri sistemi arrogantelli e minuziosi nella piena verità della metafisica eterna.

Intanto avrete notato che nel racconto della mia infanzia i personaggi mi si sono moltiplicati intorno, che è un vero spavento. Io stesso ne sono sgomentato; come quella strega che si spaventava dei diavoli dopo averli imprudentemente evocati. È una vera falange che pretende camminar di fronte con me, e col suo strepito e colle sue ciarle rallenta di molto quella fretta ch’io avrei d’andar innanzi. Ma non dubitate; se la vita non è una battaglia campale, è però un viluppo continuo di scaramuccie e badalucchi giornalieri. Le falangi non cadono a schiere come sotto al fulminar dei cannoni, ma restano scompaginate, decimate, distrutte dalle diserzioni, dagli agguati, dalle malattie. I compagni della gioventù ci lasciano ad uno ad uno, e ci abbandonano alle nuove amicizie, rade, guardinghe, interessate della virilità. Da questa al deserto della vecchiaia è un breve passo, pieno di compianti e di lagrime. Date tempo al tempo, figliuoli miei! Dopo esservi raggirati con me nel laberinto allegro, vario e popoloso degli anni più verdi, finirete a sedere in una poltrona, donde il povero vecchio stenta a mover le gambe e pur s’affida a forza di coraggio e di meditazioni al futuro, che si stende al di qua e al di là della tomba. Ma per adesso lasciate che vi mostri il mondo vecchio; quel mondo che bamboleggiava ancora alla fine del secolo scorso, prima che il magico soffio della rivoluzione francese gli rinnovasse spirito e carni. La gente d’allora non è quella d’adesso: guardatela e fatevene specchio d’imitazione nel poco bene, e di correzione nel molto male. Io superstite di quella nidiata, ho il diritto di parlar chiaro: [p. 206 modifica]voi avrete quello di giudicar noi e voi dopochè avrò parlato.

Non mi ricordo più quanti, ma certo pochissimi giorni dopo l’abboccamento del castellano di Venchieredo col Conte, il paese di Fratta fu verso sera turbato da un’improvvisa invasione. Erano villani e contrabbandieri che scappavano, e dietro a loro cernide, buli e cavallanti che scorazzavano alla rinfusa, sbraitando sulla piazza, percotendo malamente i contadini che incontravano, e facendo il più gran subbuglio che si potesse vedere. Al primo sussurrare di quella gentaglia la contessa, ch’era uscita con monsignore di Sant’Andrea e colla Rosa per la sua passeggiata del dopopranzo, s’affrettò a rinchiudersi in castello, e lì fece svegliare il marito perchè vedesse cos’era quella novità. Il conte, che da una settimana non potea dormire che con un occhio solo, scese precipitosamente in cucina; in breve tempo il cancelliere, monsignor Orlando, Marchetto, Fulgenzio, il fattore e il capitano gli furono intorno colla cera più spaventata del mondo. Oramai ognuno aveva capito che non sarebbero tornati con tanta facilità alla calma d’una volta; e ad ogni nuovo segno di burrasca la paura raddoppiava, come nell’animo del convalescente ai sintomi d’una recidiva. Anche quella sera toccò al capitano Sandracca e a tre de’ suoi assistenti fare il cuor del leone, e uscire alla scoperta. Ma non passarono cinque minuti ch’essi erano già tornati colla coda fra le gambe, e con nessuna volontà di ritentar l’esperimento. Quella masnada che tumultuava in piazza era la sbirraglia di Venchieredo, e non pareva disposta per nulla alla ritirata. Gaetano dal quartier generale dell’osteria giurava e spergiurava che avrebbe messo a pezzi i contrabbandieri, e che quelli che si erano rifugiati in castello l’avrebbero pagata più cara degli altri. Egli pretendeva che lì in paese fosse una lega stabilita per frodare i diritti del Fisco, e che il cappellano ed il conte ne [p. 207 modifica]fossero i caporioni. Ma era venuto il momento, diceva egli, di sterminare questa combriccola, e giacchè chi doveva tutelare le leggi nel paese se ne mostrava il più impudente nemico, a loro toccava adempiere i decreti della Serenissima Signoria, e farsi grandissimo merito con quell’impresa.

— Germano, Germano, alza il ponte levatoio, e spranga bene il portone! — si mise a strillare il conte, poichè ebbe udito tutta questa tiritera di insulti e di fandonie.

— Il ponte l’ho già alzato io, eccellenza! — rispose il capitano — anzi per maggior sicurezza l’ho fatto gettar nel fossato da tre dei miei uomini perchè le carrucole non volevano girare.

— Benissimo, benissimo! chiudete le finestre, e chiudete tutti gli usci a catenaccio — soggiunse il conte. — Che nessuno osi metter piede fuori del castello!

— Sfido io a moversi ora che è rovinato il ponte! — osservò il cavallante.

— Mi pare che il ponticello della scuderia ci assicuri una sortita in caso di bisogno, — replicò sapientemente il capitano.

— No, no, non voglio sortite! — tornò a gridare il conte — Buttate giù subito anche il ponticello della scuderia: io metto da questo punto il mio castello in istato d’assedio e di difesa.

— Faccio osservare a Sua Eccellenza che rotto quel ponte non si saprà più donde uscire per le provvigioni della giornata, — obbiettò il fattore inchinandosi.

— Non importa! dice bene mio marito! — rispose la contessa che era la più spaventata di tutti. — Voi pensate ad ubbidire e a demolir tosto il ponticello delle scuderie: non c’è tempo da perdere! Potremmo esser assassinati da un momento all’altro. —

Il fattore s’inchinò più profondamente di prima, e [p. 208 modifica]uscì per adempiere all’incarico ricevuto. Un quarto d’ora dopo le comunicazioni del castello di Fratta col resto del mondo erano intercettate affatto, e il conte e la contessa respirarono di miglior voglia. Solamente monsignor Orlando, che pur non era un eroe, s’arrischiò di mostrare qualche inquietudine sulla difficoltà di procacciarsi la solita quantità di manzo e di vitello per l’indomane. Il signor conte, udite le rimostranze del fratello, ebbe campo di mostrare l’acume e la prontezza del suo genio amministrativo.

— Fulgenzio, — diss’egli con voce solenne — quanti neonati ha la vostra scrofa?

— Dieci, Eccellenza — rispose il sagrestano.

— Eccoci provveduti per tutta la settimana — riprese il Conte — giacchè pei due giorni di magro provvederà la peschiera.

Monsignor Orlando sospirò angosciosamente ricordando le belle orade di Marano, e le anguille succolenti di Caorle. Ohimè, cos’erano a paragone di quelle i pesciolini pantanosi e i ranocchi della peschiera?

— Fulgenzio, — proseguì intanto il conte — farete ammazzare due dei vostri porcellini; l’uno per l’allesso e l’altro per l’arrosto: avete inteso Margherita?

Fulgenzio e la cuoca s’inchinarono alla lor volta; ma sospirare toccò allora a monsignor di Sant’Andrea, il quale per un suo incomodo intestinale non potea digerire la carne porcina, e quella prospettiva di una settimana d’assedio con un simile regime non gli andava a sangue per nulla. Senonchè la contessa, che gli lesse questo scontento in viso, s’affrettò ad assicurarlo che per lui si sarebbe messa a bollire una pollastra. La fisonomia del canonico si rischiarò tutta d’una santa tranquillità; e con un buon pollaio anche una settimana d’assedio gli parve un moderatissimo purgatorio. Allora, dato ordine al [p. 209 modifica]rilevantissimo negozio della cucina, la guarnigione si sparpagliò a porre la fortezza in istato di difesa. Si appostarono alcuni vecchi moschetti alle feritoie; si trascinarono due disusate spingarde nel primo cortile; si sbarrarono le porte e le balconate. Da ultimo si suonò la campanella pel Rosario, e nessuno lo avea detto da molti anni con maggior divozione che in quella sera.

La Contessa in que’ momenti era troppo fuori di sè per badare ad altri che a se stessa, ma sua suocera quando cominciò ad imbrunire chiese conto della Clara, perchè la tardasse tanto a portarle il suo solito pan bollito. La Faustina, la Pisana ed io ci mettemmo tantosto a cercarla; chiama di qua, corri di là, non ci fu verso che la potessimo trovare. L’ortolano soltanto ci disse averla veduta uscire dalla parte della scuderia un paio d’ore prima; ma di più egli non ne sapeva, e credeva la fosse rientrata, come costumava, dalla parte del piazzale colla signora contessa. Di lì certo non avrebbe potuto ripassare, perchè il fattore avea eseguito tanto appuntino gli ordini ricevuti, che del ponticello non rimaneva vestigio. D’altra parte la notte cadeva già buia buia, e non era a credersi che la fosse stata a zonzo in fin allora. Ci rimettemmo dunque in traccia di lei, e solo dopo un’altra ora di minute ed infruttuose indagini la Faustina si decise a rientrare in cucina, per dare ai padroni quella tristissima nuova dello sparimento della contessina.

— Giurabbacco! — sclamò il conte — certo quei manigoldi ce l’hanno portata via!

La contessa volle affliggersene assai, ma la propria inquietudine la occupava troppo perchè la vi potesse riescire.

— Figuratevi, — continuava il marito — figuratevi che cosa son capaci di fare quegli sciagurati, che danno del contrabbandiere a me per poter mettere a soqquadro il paese! — [p. 210 modifica]Ma me la pagheranno, oh sì che me la pagheranno! — soggiungeva sotto voce per paura che non lo udissero fuori del girone.

— Sì, chiacchierate, chiacchierate! — riprese la signora — le chiacchiere son proprio buone ad aiutarvi a friggere! Ecco che da tre ore noi siamo chiusi in rete, e non avete pensato a nessuna maniera da levarci di ragna!... Vi portano via la figlia, e voi vi sfiatate a dire che ve la pagheranno!... Già per quello che la costa a voi ben poco potreste pretendere!

— Come, signora moglie?... Per quello che la costa a me?... Come sarebbe a dire!

— Eh se non intendete, aguzzatevi il cervello. — Voleva dire che dei figli vostri e di me stessa e della nostra salute, voi vi date tanto pensiero come di raddrizzare la punta al campanile. — (Qui la Contessa fiutò rabbiosamente una presa). — Vediamo che cosa avete pensato per cavarci d’imbroglio?... In qual maniera volete andar in traccia della Clara?

— Siate buonina, diamine!... La Clara, la Clara!... non c’è poi motivo da indiavolarsene tanto. Sapete come l’è bellina e costumata. Io son d’opinione che se anche dormisse una notte fuori del castello, non le interverrà alcun guaio. Quanto a noi, spero che non vorrete ridurci alle schioppettate. — (La Contessa mosse un gesto di ribrezzo e di impazienza). — Dunque — (seguitò l’altro) — proveremo a parlamentare!

— Parlamentare coi ladri! benone per diana!

— Ladri!... chi vi dice che sian ladri?... Son messi di giustizia, un po’ spicciativi, un po’ ubriachi, se volete, ma pur sempre vestiti d’un’autorità legale, e quando sarà loro passata la scalmana, intenderanno ragione. Se erano troppo infervorati nel dar la caccia a due o tre contrabbandieri, il vino li ha fatti stravedere, ed hanno [p. 211 modifica]creduto che i fuggitivi si siano ricoverati a Fratta. Cosa c’è di straordinario in questo?... Se li persuaderemo che qui di contrabbandi non ce n’è mai stata orma, essi torneranno verso casa mansueti come agnellini.

— Eccellenza, ella si dimentica una circostanza, — s’intromise a dire monsignore di sant’Andrea. — Sembra che i fuggitivi fossero scherani essi pure travestiti da contrabbandieri, e cacciati innanzi come pretesti a movere questo gran tafferuglio. Germano pretende aver conosciuto fra loro alcun mustacchione di Venchieredo.

— Eh cosa c’entro io! cosa ci ho a far io! — sclamò disperatamente il povero conte.

— Si potrebbe intanto mandar fuori alcuno di soppiatto che spiasse come vanno le cose, e cercasse conto della contessina — consigliò il cavallante.

— Oibò, oibò! — rispose atterrita la contessa. — Sarebbe una grave imprudenza, tanto più che in castello si scarseggia di gente e non è questo il momento da allontanare i più esperti!

La Pisana che era appollaiata con me fra le ginocchia di Martino, si avanzò baldanzosamente verso il focolare, offrendosi ad andar lei in traccia della sorella; ma erano tanto costernati che nessuno fuori di Marchetto sembrò accorgersi di quella fanciullesca e commovente temerità. Per altro l’esempio non fu senza frutto, e dopo la Pisana io pure m’offersi ad uscire in cerca della contessina. Questa volta l’offerta ebbe la fortuna di fermare taluno.

— Davvero tu ti arrischieresti ad andar fuori per dar un’occhiata? — mi domandò il fattore.

— Sì certo, — soggiunsi io, alzando la testa e guardando fieramente la Pisana.

— Ci andremo insieme; — disse la fanciulla che non volea parere dammeno di me.

— Eh no, non sono affari da signorine questi, — [p. 212 modifica]riprese il fattore; — ma qui il Carlino potrebbe trarsi d’impaccio a meraviglia. N’è vero, signora contessa, che la pensata è buona?

— In difetto di meglio non dico di no; — rispose la signora. — Già qui dentro un fanciullo di poco aiuto ci vorrebbe essere, e fuori invece non darebbe sospetto e potrebbe mettere il naso in ogni luogo. Così anche l’esser malizioso e petulante come il demonio gli avrà giovato una volta.

— Ma voglio andar fuori anch’io! anch’io voglio andar in traccia della Clara! — si mise a strillare la Pisana.

— Lei, signorina, andrà a letto sul momento, — riprese la contessa; e fece un cenno alla Faustina perché il comando avesse effetto tantosto.

Allora fu una piccola battaglia di urli, di graffiate, di morsi; ma la cameriera la vinse e la disperatella fu menata bellamente a dormire.

— Cosa devo poi rispondere alla contessa vecchia in quanto alla contessina Clara? — domandò la donna nell’andarsene colla Pisana che le strepitava fra le braccia.

— Ditele che è perduta, che non la si trova, che tornerà domani! — rispose la contessa.

— Sarebbe meglio darle ad intendere che sua zia di Cisterna è venuta a prenderla, se è lecito il consiglio, — soggiunse il fattore.

— Sì, sì! datele ad intendere qualche fandonia! — sclamò la signora. — Che non la pensi di farci disperare, chè dei crucci ne abbiamo anche troppi.

La Faustina se n’andò, e s’udirono i pianti della Pisana dileguarsi lungo il corridoio.

— Ora a noi, serpentello, — mi disse il fattore prendendomi garbatamente per un orecchio. — Sentiamo cosa sarai buono di farci una volta uscito dal castello?

— Io?... io prenderò un giro per la campagna, — [p. 213 modifica]soggiunsi, — e poi, come se nulla fosse, capiterò all’osteria, dove sono quei signori, a piangere e a lagnarmi di non poter rientrare in castello... Dirò che sono uscito nel dopopranzo, che era insieme colla contessina Clara e che poi mi son perduto a correre dietro le farfalle, e non ho più potuto raggiungerla. Allora chi ne sa me ne darà notizia, ed io tornerò dietro le scuderie a zufolare, e l’ortolano mi allungherà una tavola sulla quale ripasserò il fossato come lo avrò passato nell’uscire.

— A meraviglia: tu sei un paladino! — rispose il fattore.

— Di che cosa si tratta? — mi domandò Martino che si sgomentava di tutti quei discorsi che mi vedeva fare, senza poterne capire gran che.

— Vado fuori in cerca della contessina che non è ancora rientrata; — io gli risposi con tutto il fiato dei polmoni.

— Sì, sì; fai benissimo, — soggiunse il vecchio; — ma abbi gran prudenza.

— Per non comprometter noi, — continuò la contessa.

— Peraltro andrà bene che tu stia un poco origliando i discorsi degli scherani che sono all’osteria per conoscere le loro intenzioni, — aggiunse il conte. — Così potremo regolarci per le pratiche ulteriori.

— Sì, sì! e torna presto, piccino! — riprese la contessa accarezzandomi quella zazzera disgraziata, cui tante volte era toccata una sorte ben diversa. — Va, guarda, osserva, e riportaci tutto fedelmente! Il Signore ti ha fatto così furbo e risoluto per nostro maggior bene!... Va pure, e il Signore ti benedica, e ricordati che noi stiamo qui ad attenderti col cuore sospeso!

— Tornerò appena abbia odorato qualche cosa, — risposi io con piglio autorevole, chè già fin d’allora mi sentiva uomo in quell’accolta di conigli.

Marchetto, il fattore e Martino vennero meco, confortandomi e raccomandandomi di usar prudenza, accortezza [p. 214 modifica]e premura. Si lanciò una tavola da fabbrica nel fosso; io ch’era assai destro in quella maniera di navigare varcai felicemente all’altra sponda, e d’un colpo di mano rimandai loro lo scafo. Indi, mentre nella cucina del castello intonavano, per consiglio di monsignor Orlando, un secondo rosario, mi misi fra le folte ombre della notte alla mia coraggiosa spedizione.

La Clara infatti, uscita dalla postierla del castello prima dei vespri, come avea riferito l’ortolano, non era più ritornata. Credeva ella incontrar la sua mamma lungo la strada di Fossalta, e così un passo dietro l’altro era arrivata a questo villaggio senza imbattersi in nessuno. Allora dubitò che l’ora fosse più tarda del consueto, e che la brigata del castello avesse dato addietro, appunto durante il giro da lei percorso nell’andare dall’orto alla strada. Si rivolse dunque frettolosamente per ridursi essa pure a casa; ma non avea camminato un trar di sasso, che lo scalpito d’una pedata la sforzò a voltarsi. Era Lucilio; Lucilio tranquillo e pensoso come il solito, ma irraggiato in quel momento da una gioja mal celata o fors’anche non voluta celare. Egli pareva moversi appena; eppure in un lampo fu al fianco della donzella, e ad ambedue forse quel lampo non sembrò così subito come il desiderio voleva. Nessuna cosa accontenterà mai la rapidità del pensiero: la vaporiera oggimai sembra troppo lenta; l’elettrico un giorno parrà più pigro e noioso d’un cavallo di vettura. Credetelo — si farà, si farà; e in ultima analisi le proporzioni rimarranno le stesse, come nel quadro ingrandito dalla lente. Gli è che la mente indovina sopra di sè un mondo altissimo, lontano, inaccessibile; e ogni giro, ogni passo, ogni spirale che si muova, o si agiti senza raccostarla a quel sognato Paradiso, non sembrerà moto ma torpore e noja. Che vale andar da Milano a Parigi in trentasei ore piuttostochè in duecento? Che vale poter vedere in quarant’anni dieci volte, invece che una, [p. 215 modifica]le quattro parti del mondo? Nè il mondo si allarga, nè la vita si allunga per ciò; e chi pensa troppo, correrà sempre fuori di quei limiti nell’infinito, nel mistero senza luce. Alla Clara e a Lucilio parve lunghissimo quell’attimo che li mise l’uno allato dell’altra, e il tempo all’incontro che camminarono insieme fino alle prime case di Fratta passò in un baleno. E sì che i piedi andavano innanzi a malincuore; e senza accorgersi, molte e molte volte s’erano fermati lungo la via discorrendo della nonna, del castellano di Venchieredo, delle loro opinioni in proposito, e più anche di se stessi, dei proprii affetti, del bel cielo che li innamorava, e del bellissimo tramonto che li fece restare lunga pezza estatici a contemplarlo.

— Ecco come io vorrei vivere! — sclamò ingenuamente la Clara.

— Come? Oh me lo dica subito! — soggiunse Lucilio colla sua voce più bella. — Ch’io vegga se sono capace di comprendere i suoi desiderii e di parteciparne!

— Davvero ho detto che vorrei vivere così, — riprese la Clara; — ed ora non saprei spiegare il mio desiderio. Vorrei vivere cogli occhi di questa splendida luce di cielo; colle orecchie di questa pace allegra ed armoniosa che circonda la natura quando si addormenta; e coll’anima e col cuore in quei dolci pensieri di fratellanza, in quei grandi affetti senza distinzione e senza misura, che sembrano nascere dallo spettacolo delle cose semplici e sublimi!

— Ella vorrebbe vivere di quella vita, che la natura aveva preparato agli uomini savii, uguali, innocenti! — rispose mestamente Lucilio. — Vita che nei nostri vocabolari ha nome di sogno e di poesia. Oh sì! la comprendo benissimo; perchè anch’io respiro l’aria imbalsamata dei sogni, e mi affido alle poesie della speranza, per non rispondere coll’odio all’ingiustizia e colla disperazione al dolore. Vegga un po’ come siamo disposti a sproposito. Chi ha braccia [p. 216 modifica]non ha cervello, chi ha cervello non ha cuore, chi ha cuore e cervello non ha autorità. Dio sta sopra di noi, e lo dicono giusto e veggente. Noi figliuoli di Dio, ciechi, ingiusti ed oppressi, colla voce, cogli scritti, colle opere lo neghiamo ad ogni momento. Neghiamo la sua provvidenza, la sua giustizia, la sua onnipotenza! — È un dolore vasto come il mondo, duraturo quanto i secoli, che ci sospinge, ci incalza, ci atterra; e un giorno alfine ci fa risovvenire che siamo eguali, tutti, ma solo nella morte!...

— Nella morte, nella morte!! dica nella vita, nella vera vita che durerà sempre! — sclamò come inspirata la Clara; — ed ecco dove Dio risorge, e torna ad aver ragione sulle contradizioni di quaggiù.

— Dio dev’essere dappertutto, — soggiunse Lucilio con una tal voce, nella quale un divoto avrebbe desiderato maggior calore di fede. Ma la Clara non ci vide entro nessun dubbio in quelle parole, ed ei ben sel sapeva che sarebbe stato così; giacchè altrimenti non avrebbe parlato.

— Sì, Dio è dappertutto! — riprese ella con un sorriso angelico, màndando gli occhi per ogni parte del cielo — non lo vede, non lo sente, non lo respira dovunque? — I buoni pensieri, i dolci affetti, le passioni soavi, donde ci vengono se non da lui?... Oh io lo amo, io lo amo il mio Dio, come fonte di ogni bellezza e di ogni bontà!

Se mai vi fu argomento che valesse a persuadere un incredulo d’alcuna verità religiosa, fu certo l’aria divina che si diffuse in quel momento sulle sembianze di Clara. L’immortalità si stampò a carattere di luce su quella fronte confidente e serena, nessuno certo avrebbe osato dire che in tanto prodigio d’intelligenza, di sentimento e di bellezza, la natura avesse provveduto soltanto ad ammannire un pascolo ai vermi. Vi sono, sì, faccie morte e petrigne, sguardi biechi e sensuali, persone gravi, curve, striscianti, che possono accarezzare col loro sucido esempio le spaventose [p. 217 modifica]fantasie dei materialisti; e ad esse parrebbe di doversi negare l’eternità dello spirito, come agli animali o alle piante. Ma fra tanta ciurma semimorta si erge in alto qualche fronte che sembra illuminarsi d’una luce sovrumana: dinanzi a questa il cinico va balbettando confuse parole; ma non può impedire che non gli tremoli in cuore o speranza o spavento d’una vita futura. — Quale? chiedono i filosofi. — Non chiedetelo a me, se sventura vuole che non vi faccia contento quella sapienza secolare che si è condensata nella fede. Chiedetelo a voi stessi. — Ma certo se la materia organica, anche sciolta la compagine umana, seguita a fermentare ed a vivere materialmente nel grembo della terra, lo spirito pensante dovrà agitarsi tuttavia, e vivere spiritualmente nel pelago dei pensieri. Il moto che non si arresta mai nel congegno affaticato delle vene e dei nervi, potrà retrocedere o acquietarsi nell’instancabile e sottile elemento delle idee? — Lucilio si fermò cogli occhi quasi estatici ad ammirare le sembianze della sua compagna. Allora un riverbero di luce gli lampeggiò sul volto, e per la prima volta, un sentimento non tutto suo ma comandatogli dai sentimenti altrui, si fece strada nelle pieghe tenebrose del suo cuore. Si riebbe peraltro da quella breve sconfitta, per tornar tristamente padrone di sè.

— Divina poesia! diss’egli togliendo gli occhi dal bel tramonto che omai si scolorava in un vago crepuscolo. — Chi primo si alzò con te nelle speranze infinite, fu il vero consolatore dell’umanità. Per insegnare agli uomini la felicità, bisognerebbe educarli poeti, non scienziati o anatomici.

La Clara sorrise pietosamente; e gli chiese:

— Ella dunque, signor Lucilio, non è gran fatto felice?

— Oh sì lo sono ora, come forse non potrò mai esserlo! — sclamò il giovine stringendole improvvisamente una [p. 218 modifica]mano. A quella stretta scomparve dal volto della fanciulla lo splendore immortale della fede, e la luce tremula e soave del sentimento vi si diffuse, come un bel chiaro di luna dopo l’oscurarsi vespertino del sole.

— Sì, sono felice come forse non lo sarò mai più! — proseguì Lucilio — felice nei desiderii, perchè i desiderii miei sono pieni di speranza, e la speranza mi invita da lunge come un bel giardino fiorito. Ahimè non cogliete quei fiori! non dispiccateli dal loro gracile stelo! Per cure che ne abbiate poi, dopo tre giorni intristiranno; dopo cinque non sarà più in loro il bel colore, il soave profumo! Alla fine cadranno senza remissione nel sepolcro della memoria!

— No, non chiami la memoria un sepolcro! — soggiunse con forza la Clara. — La memoria è un tempio, un altare! Le ossa dei santi che veneriamo sono sotterra, ma le loro virtù splendono in cielo. Il fiore perde la freschezza e il profumo; ma la memoria del fiore ci rimane nell’anima, incorruttibile ed odorosa per sempre!

— Dio mio, per sempre, per sempre! — sclamò Lucilio, correndo colla veemenza degli affetti dove lo chiamava l’opportunità di quegli istanti quasi solenni. — Sì, per sempre! E sia un istante, sia un anno, sia un’eternità, questo sempre bisogna riempirlo, satollarlo, beatificarlo d’amore per non vivere abbracciati colla morte! Oh sì, Clara, l’amore ricorre all’infinito per ogni via; se v’è parte in noi sublime ed immortale è certamente questa. Fidiamoci a lui, per non diventar creta prima del tempo; per non perdere almeno quella poesia istintiva dell’anima che sola abbellisce la vita!... Sì, lo giuro ora; lo giuro, e mi ricorderò sempre di questo rapimento che mi fa maggiore di me stesso. Il desiderio è così potente da tramutarsi in fede; l’amor nostro durerà sempre, perchè le cose veramente grandi non finiscono mai!... —

[p. 219 modifica]Queste parole pronunciate dal giovine con voce sommessa, ma vibrata e profonda, svegliarono deliziosamente i confusi desiderii di Clara. Non se ne maravigliò punto, perchè trovava stampate nel proprio cuore, da lungo tempo le cose udite allora. Gli sguardi, i colloqui, le arti pazienti raffinate di Lucilio, aveano preparato nell’anima di lei un posto sicuro a quell’ardente dichiarazione. E sentirsi ripetere dalla sua bocca quello che il cuore aspettava senza saperlo, fu più che altro il risvegliarsi subitaneo d’una gioia timida e latente. Successe nell’animo di lei quello che sulle lastre del fotografo al versarsi dell’acido; l’immagine nascosta si disegnò in tutte le sue forme; e se stupì in quel momento, fu forse di non potersi stupire. Peraltro un turbamento arcano e non provato mai le vietò di rispondere alle ardenti parole del giovane; e mentre cercava ritrarre la propria mano dalla sua, fu costretta anzi a cercarvi un appoggio perchè si sentiva venir meno da un deliquio di piacere.

— Clara, Clara per carità rispondi! — le veniva dicendo Lucilio, sorreggendola angosciosamente, e volgendo intorno gli occhi a spiare se qualcuno veniva.

— Rispondimi una sola parola!... non uccidermi col tuo silenzio, non punirmi collo spettacolo del tuo dolore!.. Perdono se non altro, perdono!...

Egli sembrava lì lì per cadere in ginocchio tanto pareva smarrito, ma era un’attitudine studiata forse per dar fretta al tempo. La fanciulla si riebbe in buon punto, e gli volse per unica risposta un sorriso. Chi raccolse mai nelle pupille uno di quei sorrisi, e non ne tenne poi conto per tutta la vita? Quel sorriso che domanda compassione, che promette felicità, che dice tutto, che perdona tutto; quel sorriso esprimente un’anima che si dona ad un’altra anima; che non ha in sè riverbero alcuno di immagini mondane, ma che splende solo d’amore e per amore; quel [p. 220 modifica]sorriso che comprende o meglio dimentica il mondo intero, per vivere e farti vivere di se stesso, e che in un lampo solo schiude, affratella e confonde le misteriose profondità di due spiriti in un unico desiderio d’amore e d’eternità, in un unico sentimento di beatitudine e di fede! — Il cielo che si aprisse, pieno di visioni divine e d’ineffabili splendori agli occhi d’un santo, non sarebbe certo più incantevole di quella meteora di felicità, che guizza raggiante e ahi spesso fugace nelle sembianze d’una donna. È una meteora; è un baleno; ma in quel baleno, più che in dieci anni di meditazioni e di studii, l’anima travede i confusi orizzonti d’una vita futura. Oh quante volte all’oscurarsi di quelle sembianze s’annuvolò dentro di noi il bel sereno della speranza, e il pensiero precipitò bestemmiando nel gran vuoto del nulla, come Icaro sfortunato cui si fondevano le ali di cera! Quali subiti, dolorosi trabalzi dall’etere inane, dove nuotano miriadi di spiriti in oceani di luce, al morto e gelido abisso che non vedrà mai raggio di sole, che mai non darà vita per volger di secoli a una larva pensata! E la scienza, erede di cento generazioni, e l’orgoglio, frutto di quattromila anni di storia, fuggono come schiavi colti in fallo, al tempestar minaccioso d’un sentimento. Che siamo noi, dove andiamo noi, poveri pellegrini fuorviati? Qual è la guida che ci assicura d’un viaggio non infelice? Mille voci ne suonano dintorno; cento mani misteriose accennano a sentieri più misteriosi ancora; una forza segreta e fatale ci spinge a destra ed a sinistra; l’amore, alato fanciullo, c’invita al Paradiso; l’amore, demonio beffardo, ci stritola nel niente. E solo la fede che il sacrifizio sarà contato a minor danno delle vittime, sostenta i nostri pensieri nell’aria vitale.

Ma Lucilio?... Oh Lucilio allora non pensava a ciò! I pensieri vengon dietro alle gioie, come la notte al tramonto, come il gelido verno all’autunno canoro e dorato. Egli [p. 221 modifica]amava da anni; da anni drizzava ogni suo consiglio, ogni sua arte, ogni sua parola a preparare nel lontano futuro la beatitudine di quel momento; da anni camminava accorto, paziente per vie tortuose e solitarie ma rischiarate qua e là da qualche barlume di speranza; camminava lento e instancabile verso quella cima fiorita, donde contemplava allora e teneva per sue tutte le gioie, tutte le delizie, tutte le ricchezze del mondo, come il monarca dell’universo. Era giunto a comporre una pietra filosofale; da una laboriosa miscela di sguardi, di azioni, di parole, avea tratto l’oro purissimo della felicità e dell’amore. Alchimista vittorioso, assaporava con tutti i sensi dell’anima le delizie del trionfo; artista entusiasta e passionato non finiva d’ammirare e godere l’opera propria, in quel divino sorriso che spuntava come l’aurora d’un giorno più bello sul volto di Clara. Ad altri avrebbero tremato in cuore gratitudine, divozione e paura; a lui la superbia ritemprò le fibre d’una gioia sfrenata e tirannica. Io forse, e mille altri simili a me avremmo ringraziato colle lagrime agli occhi; egli ricompensò l’ubbidienza di Clara con un bacio di fuoco.

— Sei mia! sei mia! le disse alzando la destra di lei verso il cielo. E voleva significare: Ti merito, perchè ti ho conquistata!

Clara nulla rispose. Senza accorgersene e senza parlare, avea amato infino allora; e il momento in cui l’amore si fa conscio di sé, non è quello per lui di diventar loquace. Solamente sentì per la prima volta di essere con tutta l’anima in potere d’un altro; e ciò non fece altro che cambiare il suo sorriso dal color della gioia in quello della speranza. A primo tratto avea goduto per sè; allora godeva per Lucilio, e questo contento fu più facile e caro a lei perchè più pietoso e pudico.

— Clara; — continuò Lucilio — l’ora si fa tarda e ci aspetteranno al castello!

[p. 222 modifica]La giovinetta si destò come da un sogno; si stropicciò gli occhi colla mano, e li sentì bagnati di lagrime.

— Volete che andiamo? — rispose ella con una voce soave e dimessa che non pareva la sua. Lucilio senza mover parola si ravviò per la strada; e la fanciulla gli veniva del paro docile e mansueta, come l’agnello al fianco della madre. Il giovine per quel giorno non chiedeva di più. Scoperto il tesoro, voleva goderne lungamente come l’avaro, non disperderlo all’impazzata a guisa dei prodighi, per trovarsi poi misero peggio di prima e col sopraccollo delle memorie sfumate.

— Mi amerai sempre? — le domandò egli dopo alcuni passi silenziosi.

— Sempre! — rispose ella. La cetra d’un angelo non moverà mai un concento più soave di questa parola, pronunciata da quelle labbra. L’amore ha il genio di Paganini; egli infonde nell’armonia le virtù dello spirito.

— E quando la tua famiglia ti profferirà uno sposo? — soggiunse con voce dolorosa e stridente Lucilio.

— Uno sposo!? — sclamò la giovinetta chinando il mento sul petto.

— Sì; — riprese il giovane — vorranno sacrificarti all’ambizione, vorranno comandarti in nome della religione un amore, che la religione ti proibirà in nome della natura!

— Oh io non veggo che voi! — rispose Clara quasi parlando con se stessa.

— Giuralo per quanto hai di più sacro! giuralo pel tuo Dio e per la vita di tua nonna! — soggiunse Lucilio.

— Sì, lo giuro! — disse tranquillamente la Clara. Giurare quello che si sentiva costretta a fare da una forza irresistibile, le parve cosa molto semplice e naturale. Allora si cominciavano a vedere fra il chiaroscuro della sera le prime case di Fratta: e Lucilio lasciò la mano della fanciulla per [p. 223 modifica]camminarle rispettosamente a fianco. Ma la catena era gittata; le loro due anime erano avvinte per sempre. La pertinacia e la freddezza da un lato, dall’altro la mansuetudine e la pietà, s’erano confuse in un incendio d’amore. La volontà di Lucilio e l’abnegazione di Clara corrispondevano insieme, come quegli astri gemelli che s’avvicendano eternamente l’uno intorno all’altro negli spazi del cielo.

Due uomini armati s’offersero loro incontro, prima di entrar nel villaggio. Lucilio passava oltre avvisandoli per due guardiani campestri che aspettassero alcuno; ma uno di essi gli intimò di fermarsi, dicendo che per quella sera era vietato penetrar nel paese. Il giovine fu offeso e maravigliato d’una così strana tracotanza; e cominciò ad adoperare un mezzo, che per molta esperienza conosceva infallibile in quegli incontri. Si mise ad alzar la voce e a strapazzarli. Indarno! I due buli lo fermarono pulitamente per le braccia, rispondendo che così voleva il servizio della Serenissima Signoria, e che nessuno sarebbe entrato in Fratta, finchè non fosse ultimata l’inchiesta d’alcuni contrabbandi che si cercavano.

— M’immagino che non vorrete proibire l’ingresso in castello alla contessina Clara? — riprese Lucilio sbuffando, ed additando la giovinetta che egli proteggeva, tenendosela stretta a braccio. Clara fece un moto come per trattenerlo dall’infuriar troppo; ma egli non le badò più che tanto, e seguitò a minacciare e a voler procedere oltre. I due buli tornarono allora ad afferrarlo per le braccia, avvertendolo che l’ordine era preciso, e che contro i renitenti avevano facoltà di adoperare la forza.

— E questa facoltà di adoperare la forza io la ho sempre, e ne uso largamente contro i soperchiatori! — soggiunse con maggior calore Lucilio, sciogliendosi con una scrollata dal pugno dei due scherani. Ma in quella un altro moto di Clara lo avvisò del pericolo e dell'inopportunità di [p. 224 modifica]tali atti di violenza. Laonde si rimise in calma, e domandò a quei due chi fossero, e con quale autorità vietassero di entrare in castello alla figlia del giurisdicente. Gli scherani risposero che erano delle cernide di Venchieredo; ma che l’inseguimento dei contrabbandieri li autorizzava ad agire anche fuori della loro giurisdizione; che i bandi dei signori sindaci parlavano chiaro, e che del resto tale era l’ordine del loro capo di Cento, e che erano là non per altro che per farlo rispettare. Lucilio voleva resistere ancora, ma la Clara lo pregò sommessamente di cessare; ed egli s’accontentò di tornare indietro con lei minacciando i due scherani e il loro padrone di tutte le ire del luogotenente e della Serenissima Signoria, che egli ben sapeva quanto poco valessero.

— Tacete! già sarebbe inutile, — gli veniva bisbigliando all’orecchio la Clara, traendolo lunge da quei due sgherri. — Mi dispiace che è notte fatta e a casa saranno inquieti per me; ma con un piccolo giro potremo entrare benissimo dalla parte delle scuderie. —

In fatti si sviarono per la campagna cercando il sentiero che menava alla postierla: ma non avean camminato cento passi che trovarono l’intoppo di due altre guardie.

— È un vero agguato! — sclamò indispettito Lucilio. — Che una nobile donzella debba serenare tutta notte pel capriccio di alcuni mascalzoni!

— Badi alle parole, illustrissimo! — gridò uno dei due, dando per terra un furioso colpo col calcio del moschetto.

Il giovine tremava di rabbia, palpeggiando coll’una mano in fondo alla tasca la sua fida pistola, ma nell’altra sentiva il braccio di Clara che tremava di spavento ed ebbe il coraggio di trattenersi.

— Cerchiamo d’intendersi colle buone, — riprese egli fremendo ancora pel dispetto. — Quanto volete a lasciar [p. 225 modifica]passare qui la contessina?... Credo che non sospetterete già ch’ella porti qualche contrabbando!

— Illustrissimo, noi non sospettiamo niente, — rispose lo sgherro — ma se anche potessimo chiudere un occhio e lasciarli passare, quei del castello sono di diverso parere. Essi hanno buttato a terra tutti e due i ponti e la contessina non potrebbe entrare che camminando sull’acqua come san Pietro.

— Ohimè! ma dunque il pericolo è proprio grave! — sclamò tramortendo la Clara.

— Eh nulla! un timor panico! me lo figuro! rispose Lucilio — E voltosi ancora allo sgherro.

— Dov’è il vostro capo di Cento? domandò.

— Lustrissimo, è all’osteria che beve del migliore mentre noi facciamo la guardia ai pipistrelli; — rispose il malandrino.

— Va bene: spero che non ci negherete di accompagnarci all’osteria per abboccarci con lui: soggiunse Lucilio.

— Ma! non abbiamo ordini in proposito; ripigliò l’altro. — Tuttavia mi pare che si potrebbe, massime se vostra signoria volesse pagarne un bicchiere.

— Animo dunque, e vieni con noi! — disse Lucilio.

Lo sbirro si volse al suo compagno, raccomandandogli di stare alla posta e di non addormentarsi; raccomandazioni udite con pochissimo conforto da colui che dovea restarsene a mangiar la nebbia, mentre l’altro aveva in prospettiva un boccaletto di cividino. Tuttavia si rassegnò borbottando; e Lucilio e la Clara preceduti dalla cernida mossero di bel nuovo verso il paese. Questa volta i due guardiani li lasciarono passare, e in breve furono all’osteria, dove strepitava una tal gazzarra che pareva più un carnovale che una caccia di contrabbandi. Infatti Gaetano, dopo aver inaffiato le gole de’ suoi, aveva cominciato a porgere il [p. 226 modifica]bicchiere ai curiosi. Costoro, un po’ selvatici da principio, s’intesero benissimo con lui con quel muto ed espressivo linguaggio. E gli abbeverati chiamavano compagnia, e questa cresceva, si rinnovava e beveva sempre più. Tantochè, mesci e rimesci, in capo ad una mezz’ora la sbirraglia di Venchieredo era diventata una sola famiglia col contadiname del villaggio; e l’oste non rifiniva dal portare a cielo la splendidezza e la rara puntualità del degnissimo capo di Cento delle cernide di Venchieredo. Come si può ben credere, tanta munificenza non era nè arbitraria nè senza motivo. Il padrone gliel’avea suggerita per tener in quiete la popolazione, e distoglierla dal prender partito contro di loro a favore dei castellani. Gaetano adoperava da furbo; e le mire del principale aveano ben servito. Se avesse voluto, avrebbe fatto gridare da trecento ubriachi: — Viva il castellano di Venchieredo! E Dio sa qual effetto avrebbe prodotto nel castello di Fratta il suono minaccioso di questi gridi.

Quando Lucilio e la Clara posero piede nell’osteria, la baldoria era al colmo. La giovine castellana avrebbe avuto il crepacuore di veder in festa coi nemici della sua famiglia i più fidati coloni; ma la non ci badava, e la sorpresa e lo sgomento per tutto quel parapiglia, le impedivano dal vederci entro chiaro. Temeva qualche grave pericolo pei suoi, e le doleva di non esser con loro a dividerlo, non pensando che se pericolo c’era per essi, asserragliati ben bene dietro due pertiche di fossato, più grave doveva essere per lei, difesa da un unico uomo contro quella canaglia sguinzagliata. Lucilio per altro non era di tal animo da lasciarsi imporre da chicchessia. Egli andò difilato a Gaetano, e gli ordinò, con voce discretamente arrogante, di fare in maniera che la contessina potesse entrare in castello. La prepotenza del nuovo arrivato e il vino che aveva in corpo, fecero che il capo di Cento la portasse, per modo di dire, ancor più cimata del solito. Gli rispose che in [p. 227 modifica]castello erano una razza perversa di contrabbandieri, che egli aveva precetto di tenerli ben chiusi finchè avessero consegnati i colpevoli e le merci trafugate, e che in quanto alla contessina, ci pensasse lui giacchè l’aveva a braccio. Lucilio alzò la mano per menare uno schiaffo a quell’impertinente; ma si pentì a mezzo, e si torse rabbiosamente i mustacchi col gesto favorito del capitano Sandracca. Il meglio che gli restava a fare era di uscire da quel subbuglio, e menare la sua compagna in qualche sicuro ricovero ove passasse la notte. La Clara si oppose dapprima a una tale deliberazione, e volle ad ogni patto giungere fin sul ponte per vedere se veramente era rotto. E Lucilio ve la accompagnò, per quanto gli sembrasse pericoloso avventurarsi con una donzella fra que’ manigoldi avvinazzati, che gavazzavano in piazza. Ma non voleva lo si accagionasse nè di aver mancato di coraggio, nè di aver ommesso cura alcuna per riaccompagnare la Clara in casa sua. Però osservate le rovine del ponte, e chiamato inutilmente Germano un paio di volte, convenne loro darsi fretta a partire, perchè lo schiamazzo cresceva sempre, e la sbirraglia cominciava ad affollarsi e a provocarli con beffe ed insulti. Lucilio sudava per la fatica durata a moderarsi: ma la briga maggiore era quella di trarre in salvo la donzella, e in tal pensiero diede giù per una stradicciuola laterale del villaggio, e girando poi verso la strada di Venchieredo, giunse a gran passi trascinandosela dietro sulle praterie dei mulini.

Là si fermò per farla prender fiato. Ella sedette stanca e lagrimosa sul margine d’una siepe, e il giovine si curvò sopra di lei a contemplare quelle pallide sembianze, sulle quali la luna appena sorta pareva specchiarsi con amore. I negri fabbricati del castello sorgevano rimpetto a loro, e qualche lume traspariva dalle fessure dei balconi per nascondersi tosto come una stella in cielo tempestoso. L’oscuro fogliame dei pioppi stormeggiava lievemente; e il baccano [p. 228 modifica]del villaggio, ammorzato dalla distanza, non interrompeva per nulla i trilli amorosi e sonori degli usignoli. I bruchi lucenti scintillavano fra l’erbe; le stelle tremolavano in cielo, la luna giovinetta strisciava sulle forme incerte e tenebrose con raggio obliquo e velato. La modesta natura circondava di tenebre e di silenzio il suo talamo estivo, ma l’immenso suo palpito sollevava di tanto in tanto qualche ventata di un’aria odorosa di fecondità. — Era una di quelle ore in cui l’uomo non pensa, ma sente; cioè riceve i pensieri begli e fatti dall’universo che lo assorbe. Lucilio, anima pensosa e spregiatrice per eccellenza, si sentì piccolo suo malgrado in quella calma così profonda e solenne. Perfino la gioia dell’amore si diffuse nel suo cuore in un lungo vaneggiamento melanconico e soave. Gli parve che i suoi sentimenti ingrandissero come la nube di polvere sperperata dal vento; ma le forme scomparivano, il colore si diradava; si sentiva più grande e meno forte; più padrone di tutto e meno di sè. Gli sembrò un momento che la Clara seduta dinanzi a lui s’illuminasse negli occhi d’un bagliore fiammeggiante: egli quasi folgorato dovette socchiuder le palpebre. — Donde questo prodigio? — Non lo potea capire egli stesso. Forse la solennità della notte, che stringe le anime deboli di superstiziose paure, ripiega sopra se stesso lo spirito dei forti, mostrandogli, entro il buio delle ombre, il simulacro del destino del domatore di tutti. Forse anco il dolore della fanciulla regnava sopra di lui, com’egli avea trionfato poco prima di lei per forza di volontà. Poveretta! No, che gli occhi suoi non fiammeggiavano allora; se almeno lo sguardo non risplendeva pel tremolio delle lagrime. Il suo cuore, riboccante una mezz’ora prima di felicità e d’amore, volava in quegli istanti al letto di sua nonna, in quella cameretta silenziosa e bene assettata, dove Lucilio avea passato con esse le lunghe ore; e quando egli non c’era ne restava viva per l’aria una [p. 229 modifica]cara memoria, un’immagine invisibile e ammaliatrice. Oh come avrebbe stentato ad addormentarsi la povera vecchia senza il solito bacio della nipote! Chi le avrebbe dato ragione, chi l’avrebbe consolata della sua assenza? Chi avrebbe pensato a lei nei pericoli che si minacciavano al castello per quella notte?

La pietà, la divina pietà gonfiava di nuovi singhiozzi il petto della giovane, e la mano che Lucilio le stese per aiutarla a rialzarsi fu inondata di pianto. Ma rimessi che furono in via questi riebbe subito l’alacrità consueta. I sogni disparvero; i pensieri gli sprizzarono in capo risoluti e virili; la volontà piegata un momento rizzossi con miglior lena a ripigliare il comando. La storia dell’amor suo, e quella dell’amore di Clara, i casi straordinari di quella sera, i sentimenti della giovinetta ed i proprii gli si dipinsero dinanzi in un sol quadro senza confusione e senza anacronismi. Egli ne rilevò con un’occhiata da aquila il concetto generale, e decise ad ogni costo che, o solo o colla fanciulla, egli doveva entrare in castello prima che passasse la notte. L’amore gli imponeva questo dovere; aggiungiamo ancora che l’interesse dell’amore medesimo glielo consigliava caldamente. Clara pregava il Signore e la Madonna, Lucilio stringeva a parlamento tutte le voci del proprio ingegno e del proprio coraggio; e così appoggiati l’una al braccio dell’altro, camminavano silenziosamente verso il mulino. Quanta moderazione! diranno taluni pensando al caso di Lucilio. Ma se diranno così gli è o ch’io mi sono spiegato male o che essi non mi hanno capito a dovere quando discorreva della sua indole. Lucilio non era nè un birbone nè uno scavezzacollo; pretendeva soltanto di vederci a fondo nelle cose umane, di volerne il meglio e di saperlo conseguire. Queste tre pretese, se temperate da un sano criterio, egli avrebbe potuto provarle coi fatti; perciò non si [p. 230 modifica]lasciava mai trascinare dalle passioni, ma teneva ben salde le redini, e sapeva fermarle all’uopo tanto sull’orlo del precipizio quanto sulla sponda lusinghiera e traditrice d’una fondura verdeggiante. Entrarono dunque nel mulino, ma non ci trovarono alcuno benchè il fuoco scoppiettasse tuttavia in mezzo alle ceneri. La polenta lasciata sul tagliere dava a vedere che tutti non aveano cenato, e che alcuni degli uomini s’erano forse traccheggiato nel villaggio a guardar la tregenda. Ma quella era forse la famiglia con cui la contessina aveva maggiore dimestichezza, onde non le dispiacque di vedersi colà ricoverata.

— Ascolta, ben mio, — le disse sottovoce Lucilio rattizzando il fuoco per asciuttarla dall’umido preso nei prati. — Io chiamerò ora e ti affiderò a qualcuna di queste donne, e poi o per forza o per amore penetrerò in castello a recarvi le tue novelle, e a guardare come stanno là dentro. —

La Clara arrossì tutta sotto gli sguardi del giovane. Era la prima volta che, in una stanza e alla piena del fuoco, riceveva nel cuore il loro muto linguaggio d’amore. Arrossì peraltro senza rimorsi, perchè non le pareva di aver violato nessuno dei comandamenti del Signore; e dal volersi bene alla muta, al confessarselo vicendevolmente, non capiva qual differenza ci potesse essere.

— Tu fai in modo di coricarti e di riposare, — proseguì Lucilio — io penserò nel frattempo a dar la voce dell’accaduto al vice capitano di Portogruaro, perchè si affrettino a scompigliare le trame di questi birbanti..... Va là! per nulla non sono venuti, e a me pare di leggerci sotto bene a tutto questo loro zelo contro i contrabbandi... È una vendetta, o una rappresaglia, fors’anco un tafferuglio ingarbugliato a bella posta per finire quell’imbroglio del processo... Ma io metterò le cose sotto la vera luce, e il vice capitano vedrà lui da qual parte stiano i veri [p. 231 modifica]interessi della Signoria. Intanto, Clara mia, sta’ in pace e dormi sicura; domattina, se non saranno venuti dal castello a prenderti, verrò io stesso; e chi sa anche che non capiti durante la notte se ci son cose pressanti.

— Oh ma voi!... non arrischiatevi per carità! — mormorò la giovinetta.

— Sai come sono, — rispose Lucilio. — Non potrei far a meno di movermi e di tentar qualche cosa, se anche si trattasse di gente sconosciuta. Figurati poi ora che è in ballo la tua famiglia, la nostra buona vecchia!

— Povera nonna! — sclamò la Clara. — Sì, va’ va’, e confortala e torna subito a chiamare anche me, che starò qui ad aspettare col cuore sospeso.

— Ti dico che tu devi coricarti, e che chiamerò qualcheduna delle donne, — soggiunse Lucilio.

— No, lasciale dormire, chè io non potrei; — replicò la donzella. — Oh, mi maraviglio con me, e quasi mi vergogno, di poter rimanere qui, e di non correre fuori anch’io.

— A che fare? — soggiunse Lucilio. — No per carità, non ti muovere da questo luogo. Anzi devi rinchiuderti bene, giacchè essi sono tanto sconsigliati da lasciar le porte spalancate fino a mezza notte!... Marianna, Marianna! — si mise a gridare il giovane affacciandosi alla porta della scala.

Di lì a poco rispose dall’alto una voce, e poi lo scalpitare di due zoccoli, e non passò un minuto che la Marianna tutta scollata e sbracciata scese in cucina.

— Dio mi perdoni! — sclamò ella raccogliendosi la camicia sul petto — credeva che fosse il mio uomo!... È lei, signor dottore?... E anche la contessina!... Oh diavolo! cos’è stato? Da qual parte son venuti dentro?

— Capperi! da quelle quattro braccia di porta spalancata! — rispose Lucilio. — Ma ora non è tempo da ciarle [p. 232 modifica]Marianna: la contessina non può entrare in castello perchè là intorno c’è del subbuglio...

— Come, c’è del subbuglio?... Ma i nostri uomini dunque?... Ah birbonacci! Non hanno neppure cenato!... Per andarsene in giro hanno lasciato aperte anche tutte le porte...

— Ascoltate me ora, Marianna, — riprese Lucilio. — I vostri uomini torneranno, chè non corrono nessun pericolo.

— Come, non corrono nessun pericolo? Se sapesse il mio in ispecie come è manesco e arrischiato!... È capace di appiccar briga con un esercito, colui!...

— Ebbene state certa, per questa sera non l’appiccherà!... Io andrò in cerca di loro e ve li manderò a casa... Ma voi intanto badate che non manchi niente alla contessina.

— Oh povera signora! cosa le deve capitare anche a lei!... Scusi, sa, se mi vede in questo arnese, ma credeva proprio che fosse il mio uomo. Birbone! scappar via senza cena e lasciare la porta aperta!... Oh me la pagherà!... Mi comandi dunque, contessina!... Mi dispiace che qui non troverà nulla da par suo.

— Dunque vi raccomando, Marianna! — disse ancora Lucilio.

— Si figuri; non c’è mestieri di raccomandazioni. — Mi dispiace di esser così scamiciata. Ma già lei, signor dottore, è avvezzo a queste scene, e la contessina è tanto buona...

La Marianna, nell’affaccendarsi intorno al fuoco, mostrava due bellissime spalle, che meglio spiccavano per la loro candidezza dal bruno colore delle braccia e del viso. Non era forse malcontenta di mostrarle, e per questo se ne scusava tanto.

— Addio!... amami, amami! — mormorò Lucilio all’orecchio della Clara; indi, raccolto uno sguardo di lei [p. 233 modifica]tutto amore e speranza, si dileguò fuori dell’uscio nella nebbia della campagna. La Clara non potè fare a meno di seguirlo fino sulla soglia, indi perdutolo di vista tornò a sedere in cucina, ma non presso al fuoco perchè il caldo era grande e aveva asciutte le vesti più del bisogno. Invece la sua testa, i suoi polsi ardevano come tizzoni, e aveva le labbra e la gola riarse quasi per febbre. La Marianna voleva a tutta forza che la mandasse giù un boccone; ma la non volle a nessun patto, e si accontentò d’un bicchier d’acqua. Indi allungò il braccio sulla spalliera della seggiola, e vi poggiò sopra il capo nell’attitudine di chi s’appresta a dormire; e la Marianna allora cercò persuaderla di coricarsi di sopra nel suo letto, che le avrebbe messe le lenzuola di bucato. Vedendo poi che erano parole buttate via, la vistosa mugnaja si tacque, e dati i chiavistelli alla porta sedette essa pure su uno sgabello.

— Io voglio che voi andiate a coricarvi, — le disse allora la Clara, che, per quanti pensieri e per quanti timori avesse per sè, non avrebbe mai commesso una dimenticanza a scapito altrui.

— No signora! bisogna che io stia qui per esser pronta ad aprire ai nostri uomini, — rispose la Marianna. — Altrimenti invece di darla mi toccherebbe pigliare una gridata. —

La Clara tornò allora a richinare la fronte sul braccio, e stette così, come si dice, sognando ad occhi aperti, mentre la Marianna, dopo aver dondolato un buon pezzo col capo, lo appoggiava sopra una tavola, cominciando a respirare colle tranquille e regolari battute d’una robusta campagnuola che dorme della grossa.

Intanto mentre il signor Lucilio, con ogni accorgimento per non essere veduto, si veniva avvicinando alle fosse posteriori del castello, io, mandato fuori esploratore, me ne scostava con pari prudenza, volendo girare in maniera da [p. 234 modifica]sbucare al villaggio per un altro capo, e togliere ogni sospetto di quello che era veramente. Quando ebbi camminato un tiro di schioppo verso le praterie, mi parve discernere nel buio una forma d’uomo, che avanzava tra il fogliame delle viti con circospezione. Mi aqquattai dietro il seminato; e stetti guardando, protetto contro ogni curiosità dalla mia piccolezza, e dal frumento che mi stava a ridosso colle sue belle spighe già bionde e pencolanti. Guardo tra spica e spica, tra vite e vite, e in un aperto battuto della luna, cosa mi par di vedere?... — Il signor Lucilio! — Torno ad osservare ancora; e mi torna a comparire. Mi alzo, me gli avvicino con prudenza, sempre dietro il frumento, e pronto ad intanarmi entro come una lepre se ce ne fosse bisogno. Guardo ancora: era proprio lui. Nessuna ventura al mondo potea toccarmi, secondo me, più fortunata di questa in simile congiuntura. Il signor Lucilio era il confidente della vecchia contessa e della Clara; egli avea dimostrato volermi qualche bene nell’occasione della mia scappata in laguna; nessuno migliore di lui per aiutarmi nelle mie ricerce. E siccome egli avea fama di uomo scienziato, così il mio criterio prese da quell’incontro le più belle lusinghe. Quando me gli trovai presso un dieci passi:

— Signor Lucilio! signor Lucilio! — bisbigliai con quella voce sommessa sommessa, che sembra voglia farsi tanto lunga quanto si fa sottile.

Egli si fermò e stette in ascolto.

— Sono Carlino di Fratta! Sono Carlino dello spiedo! — continuai alla stessa maniera.

Egli trasse di tasca un certo arnese che conobbi poi essere una pistola, e mi si avvicinò guardandomi ben fiso in faccia. Siccome ero coperto dall’ombre del frumento, pareva che stentasse a riconoscermi.

— E sì, sì, diavolo! son proprio io! — gli dissi con qualche impazienza.

[p. 235 modifica]— Zitti, silenzio! — mormorò egli con un filettino di voce. — Qui presso vi ha una guardia, e non vorrei che origliasse i nostri discorsi. —

Intendeva quella guardia ch’era rimasta sola, dopochè il compagno s’era messo per guida di Lucilio e della contessina. Ma la solitudine è alle volte una triste consigliera, e la guardia, dopo una valorosa difesa durata per più di mezz’ora, avea finito col rimaner vinta dal sonno. Perciò Lucilio ed io potevamo parlare in piena sicurezza che nessuno ci avrebbe incomodati.

— Accostamiti all’orecchio, e dimmi se esci dal castello, e cosa c’è di nuovo là dentro; — mi bisbigliò egli all’orecchio.

— C’è di nuovo che hanno una paura da olio santo; — risposi io — che hanno buttato giù i ponti pel timore di essere ammazzati dai buli di Venchieredo, che si è perduta la signora Clara, e che dall’avemmaria ad ora hanno già detto due rosarii. Ma adesso hanno mandato fuori me perchè fiuti l’aria, e cerchi conto della contessina, e torni poi a recar loro le novelle.

— E cosa penseresti di fare, piccino?

— Capperi! cosa penso di fare!... Andare all’osteria fingendo di essermi smarrito come mi è accaduto quell’altra volta, se ne ricorda? quella volta della febbre; e poi ascoltare quello che dicono gli sbirri, e poi domandar della contessina a qualche contadino, e poi tornare fedelmente per dove sono venuto, scavalcando il fosso sopra una tavola.

— Sai che sei proprio uno spiritello? Non ti credeva da tanto. Peraltro consòlati che la fortuna ti risparmia de’ bei fastidii. Io sono stato all’osteria, io ho condotto in salvo al mulino la contessina Clara, e se m’insegni il modo di entrare in castello, potremo portar loro la risposta in compagnia.

[p. 236 modifica]— Se gli insegnerò il modo? Mi basterà un fischio, e Marchetto ci butterà la tavola. Dopo lasci fare a me, che passerà l’acqua senza bagnarsi, purchè abbia l’avvertenza di imitarmi e di star ben in bilico sulla tavola.

— Andiamo dunque! —

E Lucilio mi prese per mano; e rasentando alcune folte siepaie, dietro le quali è impossibile affatto l’esser veduti anche di giorno, io lo condussi in un batter d’occhio in riva alla fossa. Lì fischiai com’eravamo d’intesa, e Marchetto fu pronto ad accorrere e a buttarmi la tavola.

— Così presto? — mi diss’egli dall’altra banda del fosso, perchè la maraviglia vinse pel momento ogni altro riguardo.

— Zitto! — risposi io mostrando a Lucilio il modo di adagiarsi sulla tavola.

— Chi c’è? — soggiunse più sorpreso ancora il cavallante, che cominciava allora a distinguere nel buio due figure in vece di una.

— Amici, e zitto! — rispose Lucilio; e poi egli stesso, come pratico del mestiere, diede una spinta che ci menò proprio a baciare pulitamente l’altra riva.

— Son io, son io! — diss’egli saltando a terra; e porto buone notizie della contessina Clara!.....

— Davvero? sia lodato il Cielo! — soggiunse Marchetto sgomberandogli la strada per aiutar me a ritirare la tavola dall’acqua.

Quando s’entrò in cucina aveano finito allora allora di recitare il rosario. Il fuoco era spento, chè del resto non avrebbero potuto reggere in quel luogo colla caldana della state; nessuno pensava alla cena, e solamente monsignor Orlando gettava di tanto in tanto sulla cuoca qualche occhiata irrequieta. Anche Martino s’era messo taciturno e imperterrito a grattare il suo formaggio; ma tutti gli altri avevano tali facce da far onore ad un funerale. La [p. 237 modifica]comparsa di Lucilio fu un raggio di sole in mezzo ad un temporale. Un oh! di maraviglia, d’ansietà e di piacere gli risonò intorno in coro, e poi tutti si fermarono a guardarlo senza domandargli nulla, quasi dubitassero s’ei fosse un corpo, o un fantasma. Toccò dunque a lui aprir la bocca pel primo; e le parole di Mosè quando tornava dal monte non furono ascoltate con maggior attenzione delle sue. Martino avea intromesso anch’egli di grattare, ma non arrivando a capir nulla dei discorsi che si facevano, finì coll’impadronirsi di me e farsi contar a cenni una parte della storia.

— Prima di tutto ho buone notizie della contessina Clara; — diceva intanto il signor Lucilio. — Ella era uscita nei campi verso Fossalta incontro alla signora contessa come costuma, e impedita di rientrare in castello dai bravacci che lo guardavano da tutte le parti, io stesso ebbi l’onore di menarla in salvo nel mulino della prateria. —

Quei bravacci che attorniavano il castello d’ogni lato, guastarono assai la buona impressione che doveva esser prodotta dalla notizia della Clara. Tutti sorrisero colle labbra al colombo della buona nuova, ma negli occhi lo sgomento durava peggio che mai e non sorrideva per nulla.

— Ma dunque siam proprio assediati come se fossero turchi coloro! — sclamò la contessa, giungendo disperatamente le mani.

— Si consoli che l’assedio non è poi tanto rigoroso, se io ho potuto penetrare fin qui; — soggiunse Lucilio. — Gli è vero che il merito è tutto del Carlino, e che se non lo avessi incontrato lui, difficilmente avrei potuto rientrarvi così presto e farmi gettare la tavola da Marchetto. —

Gli occhi della brigata si volsero allora tutti verso di me con qualche segno di rispetto. Alla fine capivano che io era buono ad altro che a girare l’arrosto, ed io godetti dignitosamente di quel piccolo trionfo.

[p. 238 modifica]— Sei anche stato all’osteria? — mi chiese il fattore.

— Vi dirà tutto il signor Lucilio; — risposi modestamente. — Egli ne sa più di me, perchè ha avuto che fare, credo, con quei signori. —

— Ah! e cosa dicono? pensano d’andarsene? — domandò ansiosamente il conte.

— Pensano di rimanere; — rispose Lucilio — per ora almeno non c’è speranza che levino il campo, e bisognerà ricorrere al vice-capitano di Portogruaro per deciderli a metter la coda fra le gambe. —

Monsignor Orlando mandò un’altra e più espressiva occhiata alla cuoca; il canonico di Sant’Andrea s'accomodò il collare con un leggiero sbadiglio: in ambidue i reverendi i bisogni del corpo cominciavano a gridare più forte delle afflizioni dello spirito. Se questo è segno di coraggio, essi furono in quella circostanza i cuori più animosi del castello.

— Ma cosa ne dice lei? qual’è il suo parere in questa urgenza? — chiese con non minore ansietà di prima il signor conte.

— Dei pareri non ce n’è che uno; — soggiunse Lucilio. — Sono ben munite le mura? sono sprangate le porte e le finestre? ci sono moschetti e spingarde alle feritoie? V’ha per questa notte gente sufficiente per vegliare alla difesa?

— A voi, a voi, capitano! — strillò la contessa, invelenita pel contegno poco sicuro dello schiavone. — Rispondete dunque al signor Lucilio! Avete disposto le cose in maniera che si possa credersi al sicuro? —

— Cioè, — barbugliò il capitano — io non ho che quattro uomini, compresi Marchetto e Germano; ma i moschetti e le spingarde sono all’ordine; e ho anche distribuito la polvere... In difetto poi di palle, ho messo in opera la mia munizione da caccia. —

[p. 239 modifica]— Benissimo! credete che quei manigoldi siano passerotti! — gridò il conte. — Staremo freschi a difendercene coi pallini! —

— Via, per cinque o sei ore anche i pallini basteranno, — riprese Lucilio. — E quando loro signori sappiano tenere a freno quegli assassini fino a giorno, io credo che le milizie del vice-capitano avranno campo di intervenire. —

— Fino a giorno! come si fa a difendersi fino a giorno, se quei temerarii si mettono in capo di darci l’assalto? — urlò il conte, strappandosi a ciocche la parrucca. — Ne uccideremo uno, agli altri il sangue andrà alla testa, e saremo tutti fritti prima che il signor vice-capitano pensi a mettersi le ciabatte! —

— Non veda, no, le cose tanto scure; — replicò Lucilio. — Castigatone uno, creda a me che gli altri faranno giudizio. Non ci si perde mai a mostrare i denti; e giacchè il signor capitano Sandracca non sembra del suo umor solito, io solo voglio incaricarmene; e dichiaro e guarentisco che io solo basterò a difendere il castello, e a mettere in scompiglio al menomo atto tutti quei spaccamonti di fuori! —

— Bravo signor Lucilio! Ci salvi lei! Siamo nelle sue mani! — sclamò la contessa.

Infatti il giovane parlava con tal sicurezza, che a tutti si rimise un po’ di fiato in corpo; la vita tornò a muoversi in quelle figure, sbalordite dallo spavento, e la cuoca s’avviò alla credenza con gran conforto di Monsignore. Lucilio si fece raccontar brevemente l’andamento di tutto l’affare; giudicò con miglior fondamento, che fosse una gherminella del castellano di Venchieredo per tagliare a mezzo il processo con un colpo di mano sulla Cancelleria, e per primo atto della sua autorità fece trasportare in un salotto interno le carte e i protocolli di quella faccenda. [p. 240 modifica]Esaminò poi diligentemente le fosse, le porte e le finestre; appostò Marchetto con Germano dietro la saracinesca; il fattore lo mise alla vedetta dalla parte della scuderia: altre due cernide, che erano il nerbo della guarnigione, le dispose alle feritoie che guardavano il ponte; distribuì le cariche, e comandò che irremissibilmente fosse ammazzato chi primo osasse tentare il valico della fossa. Il capitano Sandracca stava sempre alle calcagna del giovine mentre egli attendeva a questi provvedimenti; ma non aveva coraggio di fare il brutto muso, anzi gli facevano mestieri i cenni, gli urtoni e gli incoraggiamenti della moglie, per non accusare il mal di ventre e ritirarsi in granaio.

— Cosa le pare, capitano? — gli disse Lucilio con un ghignetto alquanto beffardo. — Avrebbe fatto anche lei quello che ho fatto io? —

— Sissignore... lo aveva già fatto; — balbettò il capitano — ma mi sento lo stomaco...

— Poveretto! — lo interruppe la signora Veronica. — Egli ha faticato fin adesso; ed è suo merito se i manigoldi non sono già penetrati in castello. Ma non è più tanto giovane, la fatica è fatica, e le forze non corrispondono alla buona volontà!

— Ho bisogno di riposo; — mormorò il capitano.

— Sì, sì, riposi con suo comodo; — soggiunse Lucilio — il suo zelo lo ha provato bastevolmente, e ormai può mettersi sotto le lenzuola colla coscienza tranquilla. —

Il veterano di Candia non se lo fece dire due volte; infilò la scala volando come un angelo, e per quanto la moglie gli stesse a’ panni gridando di guardarsi bene e di non precipitarsi, in quattro salti fu nella sua stanza bene inchiavata e puntellata. Quel dover passare vicino alle feritoie gli avea dato il capogiro, e gli parve di stare assai meglio fra la coltre e il materasso. Ai pericoli futuri Dio avrebbe provveduto; egli temeva più di tutto i presenti. [p. 241 modifica]La signora Veronica poi si sforzava, rimproverandogli sommessamente la sua dappocaggine; ed egli rispondeva che non era il suo mestiero quello di affrontare i ladri, ma che se si fosse trattato di vera guerra guerreggiata lo avrebbe veduto al suo posto.

— Giovinastri, giovinastri! — sclamò il valentuomo stirandosi le gambe. — La trinciano da eroi, perchè hanno l’imprudenza di sfidare una palla facendo capolino dai merli. Eh mio Dio, ci vuol altro!... Veronica, non uscir mica di camera sai!... Io voglio difenderti come il più gran tesoro che abbia!

— Grazie, — rispose la donna — ma perchè non vi siete svestito?

— Svestirmi! vorreste che mi svestissi con quella giuggiola di tempesta che abbiamo alle spalle!... Veronica, sta’ sempre vicina a me... Chi vorrà offenderti dovrà prima calpestare il mio cadavere.

Costei si gettò anch’essa, vestita com’era, sul letto; e da coraggiosa donna avrebbe anche pigliato sonno, se il marito ad ogni mosca che volava non fosse sobbalzato tant’alto, domandandole se avea udito nulla, ed esortandola a confidare in lui, e a non allontanarsi dal suo legittimo difensore.

Intanto da basso una discreta cena, improvvisata con ova e braciuole, avea calmato gli spasimi dei due monsignori, e rimessili con tutta l’anima alla paura, s’interrogavano l’un l’altro sul numero e sulla qualità degli assalitori: eran cento, eran trecento, eran mille; tutti capi da galera, il migliore de’ quali era fuggito al capestro per indulgenza del boja. Se gridavano al contrabbando, si era per trovare pretesto ad un saccheggio; a udirli urlare e cantare sulla piazza, dovevano essere ubriachi fradici, dunque non bisognava aspettarsi da loro nè ragionevolezza nè remissione. Il resto della compagnia faceva tanto d’occhi a questi [p. 242 modifica]ragionamenti; e peggio poi quando alcuna delle scolte veniva a riferire di qualche romore udito, di qualche movimento osservato nelle vicinanze del castello. Lucilio, dopo fatta una visita alla vecchia contessa, e aver coonestato anche lui con una panchiana l’assenza della Clara, era tornato a confortare quei poveri diavoli. Scrisse allora, e fece firmare dal conte una lunga e pressantissima lettera al vice-capitano di Portogruaro, e domandò licenza alla compagnia d’andare egli stesso in persona a portarla. Misericordia! non lo avesse mai detto! La contessa gli si gettò quasi ginocchione dinanzi; il conte lo abbrancò pel vestito così furiosamente che gliene strappò quasi una falda; i canonici, la cuoca, le guattere, i servitori lo attorniarono d’ogni lato come ad impedirgli d’uscire. E tutti con occhiate, con gesti, con monosillabi o con parole, s’ingegnavano di fargli capire che partir lui era lo stesso che volerli privare dell’ultima lusinga di salute. Lucilio pensò a Clara, e pur decise di rimanere.

Tuttavia si richiedeva alcuno che s’incaricasse della lettera, e di nuovo gettarono gli occhi sopra di me. Giovandomi della confusione generale io era sempre stato nella camera della Pisana, sopportando i suoi rimbrotti per la fazione extra muros di cui io l’aveva defraudata. Ma appena mi chiamarono, ebbi l’accortezza o la fortuna di farmi trovar sulla scala. M’empirono il capo d’istruzioni e di raccomandazioni, mi cucirono nella giacchetta il piego, mi imbarcarono sulla solita tavola, ed eccomi per la seconda volta impegnato in una missione diplomatica. Sonavano allora per l’appunto le ore dieci di notte, e la luna mi dava negli occhi con poca modestia; due cose che mi cagionavano qualche fastidio, la prima per le streghe e le stregherie raccontatemi da Marchetto, la seconda per la facilità che ne proveniva di poter essere osservato. Contuttociò ebbi la fortuna di giungere sano e salvo sui prati. Tremava un pocolino dapprincipio; ma mi rassicurai strada facendo, e [p. 243 modifica]nell’entrare al mulino, come volevano le mie istruzioni, assunsi una cert’aria d’importanza che mi fece onore. Rassicurai la contessina Clara e risposi con garbo a tutte le sue interrogazioni; indi detto alla Marianna che l’andasse a svegliare il maggiore dei suoi figliuoli, approfittai della sua assenza per istracciare la fodera della giacchetta, e cavatane la lettera la riposi, come nulla fosse, in saccoccia. Sandro era un garzoncello maggiore di me di due anni, e che dimostrava un ingegno ed un coraggio non comune; perciò il fattore m’aveva raccomandato di indirizzarmi a lui per mandar quella scritta a Portogruaro. Egli si tolse l’incarico senza neppure pensarci sopra; si buttò la giubba sulle spalle, mise la lettera nel petto, e uscí fuori zufolando come andasse ad abbeverare i buoi. La strada ch’ei dovea tenere verso Portogruaro s'allontanava sempre piú da Fratta, e non c'era pericolo che fosse sorpreso e intercettato. Perciò io stava senza alcun timore, beato beatissimo di veder uscire a buon fine tutte le commissioni affidatemi, e piene le orecchie degli elogi che mi sarebbero suonati intorno nella cucina del castello. Benché mi avesse detto il signor Lucilio di far compagnia alla signora Clara fino al ritorno del messo, il terreno mi bruciava sotto di rimettermi in moto; quell’andare e venire, quel mistero, quei pericoli aveano dato l’abbrivo alla mia immaginazione infantile, e non potea più stare senza qualche grande impresa per le mani. Mi saltò allora in capo di rientrare nel castello a darvi contezza di quella parte dell’incarico che aveva già avuto effetto; salvo sempre di rinnovare la sortita per saper la risposta del vice-capitano di giustizia. La Clara, udita questa mia intenzione, domandò risolutamente se mi bastava l’animo di far passare la fossa anche a lei. Il mio piccolo cuore palpitò piú di superbia che d’incertezza, e risposi col volto fiammeggiante e col braccio teso che mi sarei annegato io, piuttostoché far bagnare a lei la falda della veste. La [p. 244 modifica]Marianna tentò attraversare con molte ragioni di prudenza questo disegno della padroncina; ma essa avea conficcato proprio il chiodo, ed io poi ero così contento di ribadirlo, che mi tardava l’ora di trovarmi con lei all’aperta.

Detto fatto, lasciata la mugnaja colla sua prudenza, noi uscimmo sui prati, e di là in breve fummo senza guaio alla fossa. Il solito fischio, la solita tavola; e la traversata successe a dovere come le altre volte. La contessina gongolava tanto di fare quell’improvvisata, che il passar l’acqua a quel modo le fu quasi piacevole, e rideva come una ragazzina nell’inginocchiarsi su quell’ordigno. Le feste, le maraviglie, la consolazione di tutta la famiglia sarebbero lunghe a ridirsi: ma il primo pensiero di Clara fu di chiedere conto della nonna; o se non fu il primo pensiero, fu certo la prima parola. Lucilio le rispose che la buona vecchia, persuasa della fandonia che le aveano dato a bere sul conto di lei, erasi addormentata in pace, e bene stava di non risvegliarla. Allora la giovinetta sedette cogli altri in tinello; ma mentre tutti origliavano dalle fessure delle finestre i rumori che venivano dal villaggio, ella parlava muta muta cogli occhi di Lucilio, e lo ringraziava per tutto quanto egli avea adoperato a loro vantaggio. Infatti era una voce sola che ascriveva al signor Lucilio tutto quel po’ di sicurezza e di speranza, che risollevava le anime degli abitatori del castello dalla prima abiezione. Lui era stato a consolarli con qualche buon argomento, lui a munire provvisoriamente il castello contro un colpo di mano, lui a concepire quella sublime pensata del ricorso al vice-capitano. Lì tornava in campo io. Mi si chiese conto della lettera e di chi se n’era incaricato; e tutti giubilarono di sapere che di lì a un paio d’ore io sarei tornato al mulino per recare la risposta di Portogruaro. Ognuno mi fece mille carezze, io era portato in palmo di mano, monsignore mi perdonava la mia ignoranza in quanto al confiteor, ed il fattore si pentiva di avermi [p. 245 modifica]posposto ad un girarrosto. Il conte mi volgeva gli occhi dolci, e la contessa poi non finiva mai di accarezzarmi la nuca. Giustizia tarda e meritata.

Mentre la brigata si sbracciava a farmi la corte, crebbe il romore di fuori improvvisamente, e Marchetto il cavallante, col fucile in mano e gli occhi sbarrati, precipitò nel tinello. — Chi è, chi non è? — Fu un alzarsi improvviso, un gridare, un domandare, un rovesciarsi di seggiole e di candellieri. — C’era che quattro uomini, per un condotto d’acqua rimasto asciutto, erano sbucati dietro la torre; che erano saltati addosso a lui e a Germano, che costui con due coltellate nel fianco doveva essere a mal partito, e che egli avea fatto appena tempo di scappare serrandosi dietro le porte. A queste notizie lo strillare, e il rimescolarsi crebbe di tre tanti; nessuno sapeva cosa si facesse; parevano quaglie insaccate allo scuro in un canestro, che danno del capo qua e là alla rinfusa senza cognizione e senza scopo. Lucilio si sfiatava a raccomandare la quiete e il coraggio, ma era un parlare ai sordi. La sola Clara lo udiva, e cercava aiutarlo col persuadere la contessa a farsi animo e a sperare in Dio.

— Dio, Dio! è proprio tempo di ricorrere a Dio! — sclamava la signora — chiamateci il confessore!... Monsignore, lei pensi a raccomandarci l’anima.

Il canonico di Sant’Andrea, cui erano rivolte queste parole, non aveva più anima per sé; figuratevi se avea intenzione o possibilità di raccomandare quella degli altri! In quel momento s’udirono molte schioppettate, e insieme grida e minaccie di gente che sembrava azzuffarsi nella torre. Lo scompiglio non conobbe più limiti. Le donne di cucina capitarono da un lato, le cameriere, la Pisana e i servi dall’altro; il capitano entrò più morto che vivo, sostenuto dalla moglie, e gridando che tutto era perduto. S’udivano di fuori le strida e le preghiere delle famiglie di Fulgenzio [p. 246 modifica]e del fattore, che chiedevano esser ricoverate nella casa padronale come in luogo più sicuro. In tinello era un affacciarsi confuso e precipitoso di volti sorpresi e sparuti, un goffeggiare di preghiere e di segni di croce, un piangere di donne, un bestemmiare di uomini, un esorcizzare di monsignori. Il conte avea perduto la sua ombra, che avea stimato opportuno di ficcarsi più ancora all’ombra sotto il tappeto della tavola. La contessa quasi svenuta guizzava come un’anguilla, la Clara s’ingegnava di confortarla come poteva meglio. Io per me aveva presa tra le braccia la Pisana, ben deciso a lasciarmi squartare prima di cederla a chichessia: il solo Lucilio avea la testa a segno in quel parapiglia. Domandò a Marchetto ed ai servi se tutte le porte fossero serrate; indi chiese al cavallante se avesse veduto le due cernide prima di scappare dalla torre. Il cavallante non le avea vedute; ma ad ogni modo non bastavano due soli uomini a menare tutto quel gran rumore che si udiva di fuori; e Lucilio giudicò tosto che qualche nuovo accidente fosse intervenuto. Avesse già avuto effetto il ricorso al vice-capitano? — Pareva troppo presto; tanto più che la soverchia premura non era il difetto delle milizie d’allora. Certo peraltro qualche soccorso era capitato; se pure gli assalitori non erano tanto ubriachi da favorirsi le archibugiate fra di loro. In quella, alle querele delle donne di Fulgenzio e del fattore, successe contro le finestre un tambussare di uomini, e un gridar che si aprisse e che si stesse quieti, perchè tutto era finito. Il conte e la contessa non s’acquietavano per nulla, credendo che fosse uno strattagemma immaginato per entrare in casa a tradimento. Tutti si stringevano angosciosamente intorno a Lucilio aspettando consiglio e salute da lui solo; la contessina Clara s’era messa alla porta della scala deliberata a correre dalla nonna non appena il pericolo si facesse imminente. I suoi occhi rispondevano valorosamente agli sguardi del giovane; che badasse [p. 247 modifica]egli pure agli altri, poichè per lei si sentiva forte e sicura contro ogni evento. Io teneva la Pisana piucchemmai stretta fra le braccia, ma la fanciulletta, mossa all’emulazione dal mio coraggio, gridava che la lasciassi, e che si sarebbe difesa da sè. L’orgoglio poteva tanto sull’immaginazione di lei, che le pareva di bastare contro un esercito. Frattanto il signor Lucilio, accostatosi ad una finestra avea domandato chi fossero coloro che bussavano.

— Amici, amici! di San Mauro e di Lugugnana! — risposero molte voci.

— Aprite! Sono il Partistagno! I malandrini furono snidati! — soggiunse un’altra voce ben nota, che sciolse, si può dire, il respiro a tutta quella gente, trepidante tra la paura e la speranza.

Un grido di consolazione fece tremare i vetri ed i muri del tinello, e se tutti fossero diventati pazzi ad un punto, non avrebbero dato in più strane e grottesche dimostrazioni di gioia. Mi ricordo e mi ricorderò sempre del signor conte, il quale al fausto suono di quella voce amica si mise le mani alle tempie, ne sollevò la parrucca, e stette con questa sollevata verso il cielo, come offerendola in voto per la grazia ricevuta. Io ne risi, ne risi tanto, che buon per me che la grandezza del contento stornasse dalla mia persona l’attenzione generale! — Finalmente le porte furono aperte, le finestre spalancate; s’accesero fanali, lucerne, lampioni e candelabri; e al festivo splendore d’una piena illuminazione, fra il suono delle canzoni trionfali, dei Te Deum e delle più divote giaculatorie, il Partistagno invase coll’armata liberatrice tutto il pianterreno del castello. Gli abbracci, le lagrime, i ringraziamenti, le meraviglie furono senza fine; la contessa, dimenticando ogni riguardo, saltò al collo del giovine vincitore; il conte, monsignor Orlando e il canonico di Sant’Andrea vollero imitarla; la Clara lo ringraziò con vera effusione d’aver risparmiato alla sua famiglia chi sa [p. 248 modifica]quante ore di spavento e d’incertezza! fors’anco qualche disgrazia meno immaginaria. Il solo Lucilio non si congiunse al giubilo e all’ammirazione comune; forse lo scioglimento non gli quadrava, e l’avrebbe voluto derivare dovunque fuorchè dalla parte per la quale era venuto. Tuttavia era troppo giusto ed accorto per non mascherare questo spropositato sentimento d’invidia; e fu egli il primo che richiese al Partistagno del modo e della fortuna che l’aveva menato a quella buona opera. Il Partistagno raccontò allora com’egli fosse venuto quella sera per la solita visita al castello, ma un po’ più tardi del consueto pel riparo di alcune arginature che l’ebbero trattenuto a San Mauro. Gli sgherri di Venchieredo gli aveano proibito di entrare, ed egli avea fatto un gran gridare contro quella soperchieria, ma non ne avea cavato nulla; e alla fine vedendo che le chiacchiere non contavano un fico, ed accorgendosi che quel gridare al contrabbando era una copertina a Dio sa quali diavolerie, s’era proposto di partire e tornar alla carica con ben altri argomenti che le parole.

— Perchè io non sono un prepotente di mestiere — soggiunse il Partistagno; — ma all’uopo anch’io posso qualche cosa e so farmi valere. — E ciò dicendo mostrava tesi i muscoli dei polsi; e faceva digrignare certi denti acuti e sottili, che somigliavano quelli del leone.

Infatti era tornato di galoppo a San Mauro, e là, raccoltivi alcuni suoi fidati, nonchè molte cernide di Lugugnana che stavano ancora a lavoro sopra l’argine, s’era ravviato verso Fratta. Eravi giunto proprio nel momento che la torre veniva occupata, per sorpresa, da quattro bravacci; ond’egli sgominati prima assai facilmente gli ubriachi che armeggiavano sulla piazza e nell’osteria, si mise a guadare la fossa con parecchi de’ suoi. Con qualche fatica guadagnarono l’altra riva, senzachè coloro che aveano occupato la torre si dessero cura di ributtarli, intesi com’erano a [p. 249 modifica]scassinar gangheri e serrature per penetrare nell’archivio. E poi dopo qualche schioppettata, scambiatasi così tra il chiaroscuro più per braveria che per bisogno, i quattro malandrini erano venuti nelle sue mani, e li teneva guardati nella stessa torre ove s’erano introdotti con sì sfacciata scelleraggine. Fra questi era il capo-banda Gaetano. Quanto poï al portinajo del castello, gli era già morto quando le cernide di Lugugnana s’erano accorte di lui.

— Povero Germano! — sclamò il cavallante.

— E che non ci sia proprio più pericolo? che tutti siano partiti? che non si rifacciano addosso per la rivincita? — chiese il signor conte, al quale non pareva vero che un tanto temporale si fosse squagliato per aria senza qualche gran fracasso di fulmini.

— I capi sono bene ammanettati, e saranno savii come bambini fino al momento che li regoli il boja; — rispose il Partistagno. — Quanto agli altri scommetto che non si sovvengono più di qual odore sappia l’aria di Fratta, e che loro non cale niente affatto di fiutarla ancora.

— Dio sia lodato! — sclamò la contessa. — Signor Barone di Partistagno, noi tutti e le cose nostre ci facciamo roba sua, in riconoscenza dell’immenso servigio che ci ha prestato.

— Ella è il più gran guerriero dei secoli moderni! — gridò il capitano asciugandosi sulla fronte il sudore che vi avea lasciato la paura.

— Pare peraltro che anche lei avesse pensato ad una buona difesa — rispose il Partistagno. — Finestre e porte erano così tappate, che non vi sarebbe passata una formica.

Il capitano ammutolì, s’avvicinò col fianco alla tavola per non far vedere ch’egli era senza spada; e della mano accennò a Lucilio, come per riferire a lui tutto il merito di tali precauzioni.

— Ah è stato il signor Lucilio? — sclamò il [p. 250 modifica]Partistagno con un lieve vapore d’ironia. — Bisogna confessare che non si poteva usare maggior prudenza. —

Il panegirico della prudenza in bocca di chi avea vinto coll’audacia, somigliava troppo ad un motteggio perchè Lucilio non se ne accorgesse. L’anima sua dovette sollevarsi ben alto per rispondere con un modesto inchino a quelle ambigue parole. Il Partistagno, che credeva di averlo subissato o poco meno, si volse per vedere sulla fisonomia della Clara l’effetto di quel nuovo trionfo sul piccolo ed infelice rivale. Si maravigliò alquanto di non vederla, perocchè la fanciulla era già corsa di sopra a spiare dietro la porta della nonna. Ma la buona vecchia dormiva saporitamente protetta contro le archibugiate da un principio di sordità; ed ella tornò indi a poco in tinello, contentissima della sua esplorazione. Il Partistagno la adocchiò allora gustosamente, e n’ebbe un’occhiata di pura benevolenza, che lo confermò viemmeglio nella sua compassione pel povero dottorino di Fratta. In mezzo a ciò gli piovevano d’ogni lato domande sopra questo e sopra quello; e sul numero dei malandrini, e sul modo da lui adoperato nel passar la fossa; e, come sempre avviene dopo il pericolo, tutti godevano d’immaginarlo grandissimo e di ricordarne le emozioni. Lo stato d’animo di chi è o si crede sfuggito ad un rischio mortale, somiglia a quello di chi ha ricevuto risposta favorevole ad una dichiarazione d’amore. L’istessa loquacia, l’istessa prodigalità di ogni cosa che gli venga domandata, l’istessa leggerezza di corpo e di mente; e per dirla meglio, tutte le grandi gioie si somigliano nei loro effetti, a differenza dei grandi dolori che hanno una scala di manifestazioni molto variata. Le anime hanno un centinaio di sensi per sentire il male, ed uno solo pel bene; e la natura rileva alcun poco dell’indole del Guerrazzi, che ha maggiore immaginativa per le miserie che pei pregi della vita.

Il primo cui venne in mente che i nuovi arrivati [p. 251 modifica]potessero abbisognare qualche rinfresco, fu monsignor Orlando; io penso sempre che lo stomaco più ancora della riconoscenza lo facesse accorto di tale bisogno. Dicono che l’allegria è il più attivo dei succhi gastrici, ma monsignore avea digerito la cena durante la paura; e l’allegria non avea fatto altro che stimolare vieppiù il suo appetito. Due ova e mezza braciuola! Ci voleva altro per farlo tacere l’appetito d’un monsignore!... Subito si misero all’opera; e si fece man bassa sui porcellini di Fulgenzio. Il timore d’un lungo assedio era svanito; la cuoca lavorava per tre; le guattere e i servi avevano quattro braccia per uno; il fuoco sembrava disporsi a cuocere ogni cosa in un minuto; Martino lagrimando per la morte di Germano, comunicatagli allora allora dal cavallante, grattava in tre colpi mezza libbra di formaggio. Io e la Pisana facevamo gazzarra contenti e beati di vederci dimenticati nel tripudio universale; per cui avremmo desiderato ogni mese un assalto al castello per goderne poi un simile carnovale. Ma la memoria del povero Germano s’intrometteva sovente ad abbuiare la mia contentezza. Era la prima volta che la morte mi passava vicino, dopo che era venuto in età di ragione. La Pisana mi svagava col suo chiacchierio, e mi rampognava del mio umore ineguale. Ma io le rispondeva: «E Germano?» — La piccina allungava il broncio; ma poco stante tornava a ciarlare, a dimandarmi contezza delle mie spedizioni notturne, a persuadermi che ella avrebbe fatto anche meglio, e a congratularsi meco che la cuoca si fosse degnata di porre in opera il girarrosto senza ficcar me a far le sue veci. Io mi svagava del mio dolore in questi colloquii; e la superbietta di essere stimato qualche cosa mi teneva troppo occupato di me e della mia importanza per permettermi di pensar troppo al morto.

Era già passata la mezzanotte di qualche mezz’ora, [p. 252 modifica]quando la cena fu in pronto. Non si badò a distinzione di quarti o di persone. In cucina, in tinello, in sala, nella dispensa; ognuno mangiò e bevve, come e dove voleva. Le famiglie del fattore e di Fulgenzio furono convitate al banchetto trionfale; e soltanto fra un boccone ed un brindisi, la morte di Germano e la sparizione del sagrista e del cappellano richiamarono qualche sospiro. Ma i morti non si movono, e i vivi si trovano. Di fatti il pretucolo e Fulgenzio capitarono non molto dopo, così pallidi e sformati che parevano essere stati rinchiusi fin allora in un cassone di farina. Uno scoppio di applausi salutò il loro ingresso, e poi furono invitati a contare la loro storia. La era in verità molto semplice. Ambidue, dicevano, senza farsi motto l’uno all’altro, al primo giungere dei nemici erano corsi a Portogruaro per implorare soccorso; e di là infatti capitavano col vero soccorso di Pisa.

— Che? sono lì fuori i signori soldati? — sclamò il signor conte che non si era ancora accorto di aver perduto la parrucca. — Fateli entrare!... Su dunque, fateli entrare!

I signori soldati erano sei di numero compreso un caporale, ma in punto a stomaco valevano un reggimento. Essi giunsero opportuni a spazzare i piatti degli ultimi rimasugli dei porcellini arrostiti, e a ravvivar l’allegria che cominciava già a maturarsi in sonno. Ma poiché essi furono satolli, e il canonico di Sant’Andrea ebbe recitato un oremus in rendimento di grazie al Signore del pericolo da cui eravamo scampati, si pensò sul serio a coricarsi. Allora, chi chiappa chiappa, uno qua ed uno là, ognuno trovò il proprio covo, la gente di rilievo nella foresteria, gli altri chi nella frateria, chi nelle rimesse, chi sul fenile. Il giorno dopo, soldati, cernide e sbirri ebbero per ordine del signor conte una grossa mancia: e ognuno tornò a casa sua dopo aver ascoltato tre messe, in nessuna delle quali io [p. 253 modifica]fui seccato perchè recitassi il confiteor. Così si tornò dopo quella furia di burrasca alla solita vita; il signor conte peraltro aveva raccomandato che portassimo il trionfo con fronte modesta, perchè non gli garbava per nulla di andar incontro ad altre rappresaglie.

Con simili disposizioni d’animo vi figurerete che il processo instituito sulle rivelazioni di Germano non andò innanzi con molta premura; e neppure pareva che si avesse volontà di castigare davvero quei quattro scherani che erano rimasti prigionieri di guerra del Partistagno. Il Venchieredo, fatto accortamente tastare a loro riguardo, rispose, che egli veramente li avea mandati sull’orme di alcuni contrabbandieri che si dicevano rifugiati nelle vicinanze di Fratta, che se poi le sue istruzioni erano state da loro oltrepassate in modo punibile criminalmente, ciò non riguardava lui ma la cancelleria di Fratta. Il cancelliere del resto non mostrava gran volontà di vedere a fondo nelle cose, e sfuggiva di condurre i detenuti a pericolose confessioni. L’esempio di Germano parlava troppo chiaro; e l’accorto curiale era uomo da pigliar le cose di volo. Lasciava dunque dormire il processo principale, e in quell’altra inquisizione dell’assalto dato alla torre era felicissimo di aver provato la perfetta ubriachezza dei quattro imputati. Così sperava lavarsene le mani, e che la polvere dell’obblio si sarebbe accumulata provvidenzialmente su quei malaugurati protocolli.

Le cose tentennavano in questo modo da circa un mese, quando una sera due cappuccini chiesero ospitalità nel castello di Fratta. Fulgenzio che conosceva tutte le barbe cappuccinesche della provincia non raffigurò per nulla quelle due; ma avendo essi dichiarato che venivano dall’Illirio, circostanza provata vera dall’accento, furono accolti cortesemente. Fossero poi venuti dal mondo della luna, nessuno avrebbe arrischiato di respingere due [p. 254 modifica]cappuccini colla magra scusa che non si conoscevano. Essi si scusarono colla santa umiltà dall’entrare in tinello, ove c’era in quella sera piena conversazione; ed edificarono invece la servitù con certe loro santocchierie e certi racconti della Dalmazia e di Turchia, ch’erano le consuete parabole dei frati di quelle parti. Indi domandarono licenza d’andare a coricarsi; e Martino li guidò e li introdusse nella stanza della frateria, che era divisa dal mio covacciolo con un semplice assito e nella quale io li vidi entrare per una fessura di questo. Il castello poco dopo taceva tutto nella quiete del sonno; ma io vegliava alla mia fessura, perchè i due cappuccini avevano certe cose addosso da stuzzicare propriamente la curiosità. Appena entrati nella stanza si assicurarono essi con due buone spanne di catenaccio; indi li vidi trarre di sotto alla tonaca arnesi, mi parevano, da manovale, ed anche due solidi coltellacci, due buone paia di pistole, che non son solite a portarsi da frati. Io non fiatava per lo spavento, ma la curiosità di sapere cosa volessero dire quegli apparecchi mi faceva durare alla vedetta. Allora uno di loro cominciò con uno scalpello a smovere le pietre del muro dirimpetto che s’addossava alla torre; e un colpo dopo l’altro, così alla sordina, fu fatto un bel buco.

— La muraglia è profonda; — osservò sommessamente quell’altro.

— Tre braccia e un quarto; — soggiunse quello che lavorava — ne avremo il bisogno per due ore e mezzo prima di poterci passare.

— Ma se qualcuno ci scopre in questo frattempo?

— Sì, eh?... peggio per lui!... sei mila ducati comprano bene un paio di coltellate.

— Ma se nell’atto di svignarcela il portinaio si sveglia? —

— E cosa sogni mai?... Gli è un ragazzaccio, il [p. 255 modifica]figliuolo di Fulgenzio!... Lo spaventeremo, e ci darà le chiavi per farci uscire comodamente, altrimenti... —

Povero Noni! pensai io al vedere il gesto minaccioso con cui il sicario interruppe il lavoro. Quella bragia coperta di Noni non mi era mai andato a sangue, massime per lo spionaggio ch’egli esercitava malignamente a danno mio e della Pisana; ma in quel momento dimenticai la sua cattiveria, com’anche avrei dimenticato l’invidia e malignità di suo fratello Menichetto. La compassione fece tacere ogni altro sentimento, d’altra parte la minaccia toccava anche me, se avessero sospettato che li osservava pei fori dell’assito; e avvezzo già alle spedizioni avventurose sperai anche in quella notte di darmi a divedere un personaggio di proposito. Apersi pian pianino l’uscio del mio buco, e penetrai a tentone nella camera di Martino. Non volendo nè arrischiando parlare, spalancai le finestre in modo che entrasse un po’ di luce perchè la notte era chiarissima: indi mi avvicinai al letto, e presi a destarlo. Egli saltava su di soprassalto gridando chi era, e cosa fosse, ma io gli chiusi la bocca colla mano e gli feci cenno di tacere. Fortuna che egli mi conobbe subito; laonde così a cenni lo persuasi di seguirmi e condottolo fin giù sul pianerottolo della scala gli diedi contezza della cosa. Il povero Martino faceva occhi grandi come lanterne.

— Bisogna destare Marchetto, il signor conte, e il cancelliere — diss’egli pieno di sgomento.

— No, basterà Marchetto; — osservai io con molto giudizio — gli altri farebbero confusione.

Infatti si destò il cavallante, il quale entrò nel mio disegno che bisognava far le cose alla muta senza baccani e senza molta gente. Il foro dietro cui lavoravano i cappuccini dava nell’archivio della cancelleria, che era una cameraccia scura al terzo piano della torre, piena di carte, di sorci e di polvere. Il meglio era appostar colà due uomini fidati e [p. 256 modifica]robusti, che abbrancassero uno per uno i due frati mano a mano che passavano, e li sbaragliassero e li legassero a dovere. E così si fece. I due uomini furono lo stesso Marchetto, e suo cognato che stava in castello per ortolano. Essi penetrarono pian piano nell’archivio adoperando la chiave del conte, che restava sempre nelle tasche delle sue brache in anticamera; e stettero lì uno a destra ed uno a sinistra del luogo, ove si sentivano sordi sordi i colpi dei due scalpelli. Dopo mezz’ora penetrò nell’archivio un raggio di luce, e i due uomini fermi al loro posto. Per ogni buon conto s’erano armati di mannaje e di pistole, ma speravano di farne senza perchè i signori frati lavoravano sicuri e privi di qualunque timore.

— Io passo col braccio; — mormorò uno di questi.

— Ancora due colpi e il difficile è fatto; — rispose l’altro.

Con poco lavoro s’allargò il buco siffattamente, che vi potea passare con qualche stento una persona; e allora uno dei due frati, quello che sembrava il caporione, allungò la testa, indi un braccio, indi l’altro, e strisciando innanzi colle mani sul pavimento dell’archivio s’ingegnava di tirarsi dietro le gambe. Ma quando meno se lo aspettava sentì una forza amica ajutarlo a ciò, e nel tempo stesso un pugno vigoroso gli afferrò il mento, e sbarrategli le mascelle gli cacciò in bocca un certo arnese, che gli impediva quasi di respirare nonchè di gridare. Una buona attortigliata ai polsi, e una pistola alla gola fornirono l’opera, e persuasero colui a non moversi dal muro contro cui lo avevano addossato. Il frate compagno parve un po’ inquieto del silenzio, che successe al passaggio del suo principale; ma poi si rassicurò credendo che non fiatasse per paura di farsi udire, e fece animo egli pure di sporger la testa dal buco. Costui fu trattato con minor precauzione del primo. Appena impadronitosi della testa Marchetto la tirò [p. 257 modifica]tanto, che quasi gliel’avrebbe cavata se lo stesso paziente non avesse smosso colle spalle alcune pietre della muraglia. Imbavagliato e legato anche questo, lo si frugò ben bene unitamente al compagno; si tolsero loro le armi, e furono condotti in un luogaccio umido, appartato, e ben riparato dall’aria, dov’ebbero posto ciascheduno in una celletta come due veri frati. Li lasciarono così in preda alle loro meditazioni, per destar la famiglia e propalare la gran novella.

Figuratevi qual maraviglia, che batticuore, che consolazione! - Era certo che anche quel nuovo tiro veniva dalla parte di Venchieredo. Laonde si decise di serbare piucchè fosse possibile il segreto, finchè si desse notizia dell’accaduto al vice-capitano di Portogruaro. Fulgenzio fu incaricato di ciò. La missione ebbe effetto così pieno, che il castellano aspettava ancora il ritorno dei due frati, quando una compagnia di Schiavoni attorniò il castello di Venchieredo, s’impadronì della persona del signor giurisdicente, e lo trasse legato in tutta regola a Portogruaro. Certamente Fulgenzio avea trovato argomenti molto decisivi per indurre la prudenza del vice-capitano a una sì forte e subitanea risoluzione. Il prigioniero, pallido di bile e di paura, si mordeva le labbra per esser caduto da sciocco in una trappola, e con tardiva avvedutezza pensava indarno ai bei feudi che possedeva oltre l’Isonzo. Le carceri di Portogruaro erano molto solide, e la fretta della sua cattura troppo significante perchè si lusingasse di poterla scapolare. Gli abitanti di Fratta dal canto loro furono alleggeriti d’un gran peso: e tutti si scatenarono allora contro la temerità di quel prepotente; e piccoli e grandi si facevano belli di quel colpo di mano come se il merito fosse appunto loro e non del caso. Un ordine venuto qualche giorno dopo di consegnare i quattro imputati d’invasione a mano armata, nonchè i due finti cappuccini e le carte del processo di Germano ad un [p. 258 modifica] messo del Serenissimo Consiglio de’ Dieci, mise il colmo alla gioia del conte e del cancelliere. Essi respirarono di aver nette le mani di quella pece, e fecero cantare un Te deum per motivi moventi l’animo loro; quando dopo due mesi si venne a sapere di sottovento che i sei malandrini erano condannati alle galere in vita, e il castellano di Venchieredo a dieci anni di reclusione nella fortezza di Rocca d’Anfo sul Bresciano, come reo convinto di alto tradimento e di cospirazione con potentati esteri a danno della Repubblica. Le lettere deposte da Germano erano appunto parte d’una corrispondenza clandestina, tenuta in addietro dal Venchieredo con alcuni feudatari goriziani, nella quale si parlava d’indurre Maria Teresa ad appropriarsi il Friuli Veneto assicurandole il favore e la cooperazione della nobiltà terrazzana. Rimasta in poter di Germano parte di questa corrispondenza per le difficoltà di porto e di recapito spesse volte incontrate, egli si era schivato dal restituirla, accusando di aver distrutto quelle carte o per paura di chi lo inseguiva o per altra urgente cagione. Così pensava egli apparecchiarsi una buona difesa contro il padrone nel caso che questi, come usava, avesse cercato sbarazzarsi di lui; e il destino volle, che quanto egli aveva preparato per difendersi valesse invece ad offendere un uomo prepotente ed iniquo.

Dopo il processo criminale del Venchieredo s’agitò in foro civile la causa di fellonia. Ma fosse accorgimento del Governo di non toccar troppo sul vivo la nobiltà Friulana, o valentia degli avvocati, o bontà dei giudici, fu deciso che la giurisdizione del castello di Venchieredo continuerebbe ad esercitarsi in nome del figliuolo minorenne del condannato, il quale era alunno nel collegio dei padri Scolopi a Venezia. In una parola la sentenza di fellonia pronunciata contro il padre si giudicò non dovesse recar effetto a pregiudizio del figlio. Allora fu che tolto di mezzo [p. 259 modifica] Gaetano e ogni altro impiccio, Leopardo Provedoni ottenne finalmente in isposa la Doretta. Il signor Antonio se ne dovette accontentare; come anche di vedere lo Spaccafumo, in onta ai bandi e alle sentenze, assistere e far grande onore al pranzo di nozze. Gli sposi furono stimati i più belli che si fossero mai veduti nel territorio da cinquant’anni in poi; e i mortaretti che si spararono in loro onore nessuno si prese la briga di contarli. La Doretta entrò trionfalmente in casa Provedoni: e i vagheggini di Cordovado ebbero una bellezza di più da occhieggiare durante la messa delle domeniche. Se la forza erculea e la severità del marito sgomentava i loro omaggi, li incoraggiava invece continuamente la civetteria della moglie. E tutti sanno che in tali faccende sono più ascoltate le lusinghe che le paure. Il cancelliere di Venchieredo, rimasto padrone quasi assoluto in castello durante la minorennità del giovane giurisdicente, rifletteva parte del suo splendore sopra la figlia: e certo nei giorni di festa ella preferiva il braccio del padre a quello del marito, massime quando andava a pompeggiare nelle festive radunanze intorno alla fontana.

Anche la mia sorte in quel frattempo s’era cambiata di molto. Non era ancora in istato di pigliar moglie, ma aveva dodici anni sonati, e la scoperta dei finti cappuccini mi avea cresciuto assai nell’opinione della gente. La contessa non mi aspreggiava più, e qualche volta sembrava vicina a ricordarsi della nostra parentela, benchè si ravvedesse tosto tosto da quegli slanci di tenerezza. Però non si oppose al marito, quando egli si mise in capo di avviarmi alla professione curiale, aggiungendomi intanto come scrivano al signor cancelliere. Finalmente ebbi la mia posata alla tavola comune, proprio vicino alla Pisana, perchè le strettezze della famiglia, che continuavano con una pessima amministrazione, aveano fatto smettere l’idea del convento anche riguardo alla piccina. Io seguitava a taroccare, a [p. 260 modifica] giocare e a martoriarmi con lei; ma già la mia importanza mi compensava degli smacchi che ancor mi toccava sopportare. Quando poteva passarle dinanzi recitando la mia lezione di latino, che doveva ripetere al Piovano la dimane, mi sembrava di esserle in qualche cosa superiore. Povero latinista! come la sapeva corta!...