Apri il menu principale
Anonimo

XIII secolo L sonetti duecento L'alma e 'l corpo l'om ch' ava zoi oblia Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
L'alma [e] 'l corpo [ l'om ] ch' ava zoi oblia,
di forte pena e di crudel ch[e] hai
per amare, Amor, cu' servit' hai,
4si mosse per p[i]etate a far contia

alla tua donna di pene che fria;
ed avanti lei sola, bene 'l sai,
per farti del servente dono omai;
8addusse 'l corpo tuo che ben dolia.

E per mostrar le pene, und'e' recoco,
lo foco, per abreviar la fola,
11era la copia del to penar fioco;

e per ch' avessi più tosto consola,
per ch'er[i] dell'amor mostrato avoco,
14grida mercé a lei, che non ti mola.