Il Tesoro I/Illustrazioni al Libro I/Capitolo VI

Brunetto Latini - Il Tesoro, volume I (XIII secolo)
Traduzione dalla lingua d'oïl di Bono Giamboni (XIII secolo)
Illustrazioni al Libro I - Capitolo VI
Illustrazioni al Libro I - Capitolo V Illustrazioni al Libro I - Capitolo VII
[p. 162 modifica]
162
Mi pose ciò non pertanto sulla retta via per trovare

epi’Uco. EW?/xoç significa contenzioso, litigioso t giudiziario, che prova per ragione, per diritto, e argomenti, essere le cose quali si dicono. È dunque desso.

Capitolo VI.

Lontano dalla superstiziosa adorazione della lettera biblica male tradotta, e peggio interpretata, Brunetto credendo in Dio creatore, parla di archetipo, di ile ( v\r\, materia), e di successiva formazione delle creature l. A’ suoi tempi non si sospettavano

1) Ecco 1’ archetipo in Dante:

. Ciò che non muore, e ciò che può morire Non è se non splendor di quella idea Che partorisce amando il nostro Sire.

(Par. XIII). Le cose tutte quante Hann’ ordine tra loro; e questo è forma Che 1’ universo a Dio fa somigliante.

Qui veggion 1’ alte creature 1’ orma Dell’ eterno valore, il quale è fine AI quale è fatta la toccata norma.

Nell’ordine ch’io dico, sono acchine Tutte nature per diverse sorti, Più al principio loro e men vicine;

Onde si muovono a diversi porti (1) Per lo gran mar dell’ essere, e ciascuna Con istinto a lei dato che la porti (Par. I).

(1) Diceva Benvenuto da Imola: Per magnitudinem ef frofnnditatem naturile rerum. [p. 163 modifica]pure possibili, le scienze che ora sono giganti, e ci fecero venerare sempre più luminoso il nome di Dio impresso e nelle massime e nelle minime creature: nelle nebulose, e negli infusorii.

L’ilozoismo riguarda la vita e la materia come inseparabili. Alcuni ilozogisti dividono la vita in tutte le parti della materia: la materia non è per essi, che un aggregato di atomi animali, o viventi, che non dipendono da alcun principio superiore. Altri ilozogisti si rappresentano l’intero universo come un solo e medesimo essere, come un animale, o una pianta, di cui la vita, il moto, e la forma sono il risultamento d’una forza unica, chiamata natura, o anima del mondo. Stratone di Lampsaco era coi primi: gli stoici erano i secondi. Stratone, lontano egualmente dal meccanismo puro di Democrito, e dal credere che il mondo fosse un animale, faceva intervenire nella genesi delle cose quella ch’egli chiamava natura, cioè la vita, ed il caso, o l’incontro fortuito delle parti diverse della materia. Il caso dà l’impulso: poi la natura segue il suo corso. Disse l’Allighieri:

     Democrito che il mondo a caso pone (Inf. IV).

Gli stoici non riconoscevano una vita, un’attività distinta in ogni parte della materia: l’intero universo formava ai lor occhi un solo essere, animato dal medesimo principio, il quale doveva dare il moto, la forma, la vita. Era considerato come legge inevitabile delle cose, come legge universale.

Più tardi l’ilozoismo riapparve nella scuola di Alessandria, insieme coll’esagerato misticismo. [p. 164 modifica]Scondo i discepoli di Plotino, l’anima del mondo si fa sentire negli atomi. Ritrovasi anche presso Cardano, nella scuola di Paracelso, e nella dottrina di Spinoza, il quale afferma, che la vita è in diversi gradi in tutta la natura. Omnia, quamvis diversis gradibus, animata tanien sunt.

Tutti questi sistemi, come è chiaro da sé, confusero la forza colla vita. È vero che non possiamo concepire materia senza forza. L’inerzia stessa è una forza. Nei corpi in apparenza più inerti, è un lavoro di composizione e di scomposizione; vi hanno repulsioni, ed affinità elettive, le quali suppongono un certo grado di attività. Ma la vita non esiste senza organismo. Or come bisogna riconoscere una natura inorganica; ne consegue che la vita non è dovunque. Essa non è essenziale alla materia. Vi è venuta, e vi è sparsa per gradi da una causa superiore. Che poi sarebbe la vita senza l’intelligenza? Come concepire l’intelligenza, senza coscienza?

Brunetto nel Tesoretto capitolo V ripete in due luoghi la dottrina dell’Ile, e la creazione in sei giorni.

Il primo riferiamo al libro II cap. XXXI: il secondo è questo:

Poi ’l suo intendimento
Mettendo a compimento,
Si lo produsse in fatto:
Ma no ’l fece sì ratto
Né non vi fue sì pronto,
Ch’elli in un solo ponto

[p. 165 modifica]

165
1(55

Lo volesse compiere. Oom’ elli avea ’1 podere. Ma sei giorni durao.

Aggiungiamo altro testo del Capitolo VI sulle giornate della creazione.

Ornai a ciò ritorno, Che Dio fece lo giorno,

E la terra gioconda, E cielo, e terra, ed onda

E l’ aiere creao, E li angeli formao,

Ciascun paratamente, E tutti di neente.

Poi la seconda dia Per la sua gran balia.

Stabili ’1 fermamente. E ’1 suo ordinamento.

Al terzo, ciò mi pare. Spacifìcò lo mare.

E la terra divise. E’n ella fece e mise

Ogni cosa barbata, di’ n terra è radicata.

Al quarto di presente Fece compiutamente

Tutte le luminarie. Stelle diverse e varie.

Nella quinta giornata

SI fu da lui creata [p. 166 modifica]
166
Ciascuna creatura,

Che nota in acqua pura.

Lo sesto di fu tale, Che fece ogni animale,

E fece Adamo ed Eva, (F/xaJ Che poi ruppe la tregua

Del suo comandamento. Per quel trapassamento

Mantenente fu mi so Fora del paradiso,

Ov’ era ogni diletto Sanza neuno eccetto

Di freddo o di calore, D’ ira, né di dolore:

E per quello peccato Lo loco fu vietato

Mai sempre a tutta gente: Così fu l’uom perdente.

D’ esso peccato tale Divenne 1’ uom mortale,

E ha 1 male e lo danno, E lo gravoso affanno

Qui e nel!’ altro mondo. [p. 167 modifica]

167
Ancora sul Capitolo VI.

Cosi ragiona il Sorio:

Quattordici dì del mese dì marzo. Errata lectio.

11 nostro autore si spiega nel nostro medesimo testo stampato, al cap. XII lib. II. ove dice: « E sappiate, che ’1 primo dì del secolo entrò il sole nello primo segno, cioè in Ariete. E ciò fu quattordici dì all’ uscita di marzo, ed altresì fa egli ancora. « E nel capo XIII parte II dice: » Il primo segno si è Aries, nel quale il sole entra quattordici dì all’ uscita di marzo, e quel fu il primo dì del secolo ».

Questa frase « Quattordici dì all’uscita del mese di marzo, » è secondo lo stile del medio evo, quando si divideva ogni mese in due parti. La prima dei 15 giorni, si chiamava introeunte mense, cioè tanti dì che il mese era entrato: la seconda dei 15 in fine dicevasi exeunte mense, cioè tanti dì sono ad uscire il mese. Or questa frase: « Quattordici dì all’uscita del mese di marzo » il quale ha giorni 31, determina il 18 di marzo: ed è il primo giorno del secolo. E conseguentemente nel libro II al cap. XLVIII, vedremo l’ autore fissare colla Bibbia il quarto giorno del secolo per la creazione delle stelle, nel qual giorno è eguale il dì con la notte, e fissarlo così: « Ciò è a di XI all’uscita di marzo (cioè à 21 di marzo). » Così leggeremo

coi buoni t t. [p. 168 modifica]
168
E col maestro il discepolo dice a proposito delle

stelle create in quel tempo:

Temp’ era dal principio del mattino,

E ’1 sol montava in su con quelle stelle Ch’ eran con lui quando 1’ Amor divino

Mosse da prima quelle cose belle ( Inf. I).

Ancora sul Capitolo VI.

Quantunque la formola generale della dottrina biblica sia: Iddio creò l’universo; Mosè scende a’ particolari, per sommi capi in spì fasi divisando la formazione della terra.

Dissi fasi, anzi che giorni com’ è detto comunemente, perchè la parola del testo ebraico non designa a rigore il solo tempo fra lo spuntare ed il tramontar del sole; ma uno spazio di tempo in generale. Il giorno e la notte, quali ora li diciamo, incominciarono solamente nella quarta fase. Il versetto 4 del capo II del Genesi insegna il vero significato della parola giorno del capo I. Esso dice: « Tali furono le origini del cielo e della terra, quando furono creati: nel giorno in cui Dio creò il cielo e la terra. » Altrove insegna la Bibbia, senza cenno di fasi; Ipse dixit, et facta sunt. Ipse mandavit, et creata sunt (Ps. CXLVII). Anche nei libri della Sapienza si parla della creazione, senza alludere a giorni, o fasi di essa.

Insegna Francesco Bacone da Verulamio: Iddio ci

diede due libri: l’ordine universale delle cose, o la [p. 169 modifica]

169
Natura, e la Bibbia ’. Àmbi sono opera del medesimo

autore. Si accordano perciò a meraviglia. Differiscono solo in ciò, che V uno conduce per argomentazioni ed esperienze, V altro per sentenze ed autorità. Il filosofo non sia giammai temerario, da gridar tosto all’errore, all’inganno, al sofisma, quando gli sembri di scorgere contraddizione fra 1’ una e 1’ altra parola di Dio Non vacilli per questo nella costanza de’ coscienziosi suoi studii, né della religiosa sua fede. Più innanzi procedendo, fuor d’ ogni sua espettazione rinverrà ineffabili armonie.

Capitolo VII.

Questa distinzione secondo Aristotele, che è altresì nel capitolo VI, di creature immediatamente create da Dio, e di creature formate da esse: poi, della perpetuità, o immortalità delle prime, e non delle seconde, come insegnerà nel capitolo Vili, è identica in Dante.

1) Il gran libro della Natura è anche in Dante:

Lo Ben, che fa contenta questa Corte, Alfa ed Omega è di quanta scrittura Mi legge amore o lievemente o forte

(Par. XXVI).

Nel suo profondo vide che s’ interna Legato con amore in un volume Ciò che per 1’ universo si squaderna

(Par. XXXIII).