Apri il menu principale

Fermare a i fiumi il corso, a i venti il moto

Francesco Brunamonti

F Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Fermare a i fiumi il corso, a i venti il moto Intestazione 9 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Brunamonti


[p. 76 modifica]

I


Fermare a i fiumi il corso, a i venti il moto,
     Trar gli alti monti, e l’alte selve seco,
     Far, che i tigri, e cignai non guardin bieco,
     E ch’ogni serpe di venen sia vuoto;
5Fin là, ve l’uman stame attorce Cloto,
     Gir, e far guerra, o Re di stige, teco,
     E trar millalme dal tuo bujo speco
     Fin sul Ciel, che pur troppo a te fu noto;
E dar lassuso a quelle eterne menti
     10Con prodigi non mai visti finora
     Nuovi di maraviglia ampi argomenti;
Opre sono di lui, che qui s’adora:
     Il sa l’Egitto, il san tutte le genti
     Nate, e ’l sapranno le non nate ancora.