Donne illustri/Donne illustri/Isabella d'Aragona

Isabella d'Aragona

../Angelica Kauffmann ../Maria Stuarda IncludiIntestazione 13 novembre 2022 100% Da definire

Donne illustri - Angelica Kauffmann Donne illustri - Maria Stuarda

[p. 214 modifica]ISABELLA D’ARAGONA [p. 215 modifica]









CCsabella d’Aragona nacque in Napoli il 2 ottobre 1470 d’Alfonso II e d’Ippolita Sforza. Di due anni fidanzata al duca Giovanni Galeazzo Sforza. A diciott’anni perdè la madre, donna di sommo ingegno e coltissima, che l’aveva educata squisitamente. Alcun mese dopo seguirono in Napoli le nozze stabilite col duca, rappresentato da Ermete Sforza.

Movea poi per Milano, e il suo viaggio fu festeggiatissimo. A Tortona la incontravano lo sposo e lo zio Lodovico. In Milano le feste durarono sei giorni.

Bella, savia, adorata, pareva che il cielo dovesse [p. 216 modifica] arriderle lungamente sereno: se non che Lodovico il Moro agognava le bellezze di lei e la potenza del nipote; e respinto da lei, si ristorò studiandosi con tutti i modi di ammaliare e annullare Giovanni Galeazzo. — Anche Beatrice d’Este, sposa a Lodovico, concorse poi ad aspreggiarle la vita. Isabella si consolava nell’amore che portava al marito e nei figli avuti con lui, un maschio e due bambine. Al suo primogenito apparteneva la contea di Pavia, e Lodovico la voleva per un figlio natogli da Beatrice. Isabella ricorse per consiglio ed aiuto al padre. Lodovico cercò d’addormentare la corte di Napoli, e intanto tramò la discesa di Carlo VIII in Italia, facendola serva per soppiantare il nipote nel ducato. Ad agevolarsi la via lo avvelenò. Isabella rifuggì nel castello di Milano; ma vessata da Lodovico, commise incautamente il proprio figlio alla fede di Francia, e quel re lo fece monaco col titolo di abate di Noirmontier (e morì di una caduta da cavallo). Ella si trasferì a Napoli con le due figlie Bona e Ippolita. Privata quasi nel medesimo tempo del padre, del fratello, dello sposo, dello Stato e del figlio, si ritrovava (secondo un biografo) in Sicilia presso lo zio Federigo ad accrescere il lutto di que’ giorni, in cui questi fu spogliato del regno dalla perfidia di Ferdinando il Cattolico, che lo divise con Lodovico XII. Per sodarle la dote, il Moro, fuggendo nel 1499 in Germania, le avea dovuto cedere il ducato di Bari, ed ella lo godè a tutta sua vita, accrescendolo poi col principato di Rossano e coi contadi di Borello, Rosarno e Longobucco, di cui nel 1487 il Moro era stato investito dal re Ferdinando. Nel 1519 ella intraprese un viaggio a Roma per visitare i luoghi santi, con un seguito di [p. 217 modifica] quattrocento donne sfarzosamente addobbate. Leone X le ospitò e trattenne a grande onore.

Ella resse benissimo il suo piccolo Stato. Finalmente, vista la rovina del suo scellerato persecutore e l’unica sua figlia superstite Bona sposa al re Sigismondo di Polonia, morì il dì 11 febbraio 1524 in Napoli nel castello di Capuana.