Canzoni di re Enzio/La canzone dell'Olifante/La mischia

III - La canzone dell'Olifante

IV
LA MISCHIA

../Lo stormo ../Il contrasto IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

La canzone dell'Olifante - Lo stormo La canzone dell'Olifante - Il contrasto

«Tempo vene chi sale e chi discende»:
dice il re delle Torri e di Gallura:
«non più Mongioia è il grido dell’impero».
E dice a lui Rollando de Marano:
«Mongioia è il monte, donde Carlomagno5
udì sonare le campane a festa
di Roma santa, udille sonar sole,
sull’alba, a gloria dell’antico impero».
Enzio re siede, e reggesi la fronte
piena di rughe sulla bianca mano.10
È quella mano usa alla mazza d’arme,
usa alla spada ch’elmi e bacinelli
fendeva: ora non più, da sedici anni.
Non più tutta oro la capellatura
lunga fluisce. Oh! come al fresco vento15
si svincolava al modo d’una fiamma,
sulla galea, nel mar della Meloria!
Come, in cospetto dell’imperatore,
guidava i cavalieri a Cortenuova
contro il Carroccio di Milano!20

Siede re Enzio con la fronte in mano.
O Enzio amico bella gioventù!
Egli non parla, e i sedici custodi
pensano anch’essi a sedici anni addietro.
Salgono in vano fabbri e zavattieri.25
Tocca non è la torta del Comune.
Suonano qua e là da’ battifredi
or fioche or chiare tutte le campane.
Passa la trecca, passa il pesciaiuolo,
la merce sua cantando ognuno a prova.30
Vengono, a frotte, ai portici le donne,
quando si sforna, a comperare il pane.
A quando a quando ora su questa torre
ora su quella tubano i colombi.
E s’ode ancora il canto del giullare35
già rauco, e un aspro suono di vivuola.
Ma Enzio sente in cuore una battaglia
lontana. È come quando ingrossa il fiume,
quasi sognando, per una tempesta
nelle invisibili montagne.40

Maravigliosa è la battaglia, e grave.
Rotti gli osberghi, sono l’aste infrante.
Non più le trombe suonano, che rauche;
non, se non rosse, scendono le spade.
Bocconi, in faccia, l’un sull’altro giace,45
quali sui sassi, quali tra l’erbe alte.
Quanti belli anni vanno via col sangue!
Quanti non rivedranno la sua madre,
né Carlomagno che non torna, e va...

AOI

Mararavigliosa è la battaglia, e forte.50
Per tutto il mondo tanto non si muore!
Scorre tra l’erbe, sgronda dalle foglie,
bulica il sangue, come quando piove.
Vanno cavalli, con le selle vuote,
nel campo, in fuga, e scalciano alla morte.55
Quanto bel tempo si fermò col cuore!
Quanti non rivedranno le sue spose!
né Carlomagno che tornar non può...

AOI

Lontan lontano, tutto il ciel si muta.
Tempesta in terra, in alto mar fortuna.60
A mezzodì, come di notte, abbuia.
Cielo non v’è, se un lampo non l’alluma.
Tuona con una cupa romba lunga.
La terra trema, crollano le mura.
Dice la gente: Secol si consuma!65
la gente dice, eppure non sa nulla.
Eh! buon Rollando bella gioventù!

AOI