Canzoni di re Enzio/La canzone del paradiso/Lusignolo e Falconello

II - La canzone del paradiso

IX

../La buona novella ../La notte IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

La canzone del paradiso - La buona novella La canzone del paradiso - La notte

Or ella va con la canestra in capo,
lungo la verde Savena, ai serragli,
alle aspre porte, alla città turrita,
recando l’uva paradisa, d’oro.
Ora non canta: canta sì la verla;5
fischiano sì le pispole di passo;
anco le rondini: elle vanno in branco
dolce garrendo a ripulirsi al fiume.
Vede ella i meli rosseggiar di pomi,
vede curvare i peri a terra i rami;10
l’api bombire, ode ronzar le vespe
e i calabroni in mezzo al dolce fico.
Ella non canta, ma le canta il cuore,
che c’era un re ch’era di giorno un uomo,
ma diventava capougello a sera;15
volava allora ai boschi ai campi ai fiumi.
E Flor d’uliva lo sapea, ché sempre,
sull’imbrunire, qua e là, sentiva
parlar più forte, tutti insieme, a gara,
perché piatìano innanzi al re, gli uccelli.20
In cuore ha il re, ch’ora ha rimesso l’alie,
per certo, e vola al regno suo lontano,
al suo castello in mezzo al mare azzurro,
il falconello, e il cielo empie di gioia.
O forse è là, tra i suoi cavelli d’oro,25
in mezzo ai conti, ch’hanno il pugno al mento,
che dorme per incantamento...

E Flor d’uliva giunge al limitare,
all’alte scale del Palagio nuovo;
e qui Zuam Toso la sogguarda e dice:30
«Già t’ho, ricordo, a Santo Zuam, veduta».
«Eo son Lucia, ma detta Flor d’uliva,
da Vidaliagla» ella risponde: «sclava
non più, misèr, sì libera...» «Va, dunque.
Scritto è ’l to nome già nel Paradiso».35
Ella non sa: monta le scale, ed entra,
da niuno vista, dove alle pareti
stanno addossati i muti cavalieri.
Stante, in un raggio è fiso il Re, di sole.
E Flor d’uliva presso a lui depone40
la sua canestra, e scopre dalle arsite
pampane i cerei grappoli dell’uva,
tacitamente. Ed ha il corollo in capo.
Il Re si volge a lei che aspetta e tace,
con sui morati riccioli le rosse45
pampane; l’uva al piè si vede; e guarda
lei. Gli occhi neri scontrano gli azzurri.
«Deh! forosella, eo già te vidi ’n sogno,
ch’ero addormito, e tu portasti fiori
et erbe e frutta. Et eo sognavo un campo50
grande, di grano. E da le folte spighe
spuntavi, come un flore, tu; vestita
non più che un fiore. E c’era il sole e il vento,
e l’ire o stare a suo talento».

Re Enzio prende un grappolo dorato,55
e dolcemente gli acini ne spicca,
zuppi di sole. E poi riguarda e dice:
«Apersi gli ocli ma tu plu non c’eri.
Seppi, qual eri. Io prigionier, tu sclava».
E Flor d’uliva: «Ora non plu! Riebbi60
la libertà... Non anco vui, meo Sire?»
Ed Enzio dice: «Eo m’era il Falconello
d’un tempo: aveva il vento tra i cavelli
e il sole entorno. Apersi li ocli un tratto:
non c’eri plu...» «Ma sono a vui tornata».65
Ed Enzio dice: «Or viemmi dietro e taci».
E s’incammina ver’ la sua cellata:
dietro ai suoi passi muove Flor d’uliva:
segue il Re morto, uscito dal lavello,
pallido, sì, che v’era da sette anni,70
et or la schiava va con lui che l’ama.
L’ha tanto amato, e notte e giorno ha pianto;
tre notti e giorni sotto l’arcipresso,
mescendo a gara, più della fontana.
Or è con lui nel grande suo palagio.75
Nullo divieto i giovani custodi
fanno, per la dolcezza del lor sangue.
Dicono: «E noi sediamo a tavoliere».
«Ben ha ghermito» dice Bonfiliolo
«il falconello il lusignolo».80