Canzoni di re Enzio/La canzone del paradiso/La buona novella

II - La canzone del paradiso

VIII
LA BUONA NOVELLA

../La libertà ../Lusignolo e Falconello IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

La canzone del paradiso - La libertà La canzone del paradiso - Lusignolo e Falconello

Va tra le torri, suona nelle piazze,
passa tra i pioppi, sale tra i castagni,
vola tra i faggi la novella buona.
La notte cade, s’avvicina il giorno.
A lui che viene, andate, o genti, incontro.5
Vien col Comune e Popolo. Egli spese
il sangue già per ricomprare i servi;
tutto il suo sangue: ora, dimesso, aggiunge
i trenta sicli, suo valsente.

I trenta sicli, suo valsente in terra,10
aggiunge al sangue. Si riscatti il capo
d’anni oltre sette e sette, dieci libbre
di bolognini; otto il minore: è giusto.
Prendete il prezzo delle mandre umane,
dei greggi, ahimè! che parlano. S’avanza15
coi sicli in mano e col costato aperto
il Redentore... Il popolo gli è intorno
con gli spontoni e coi ronconi.

Soffia nel corno, o guaita della torre;
desta il palagio irto di merli, aduna20
nella tubata i servi con le ancelle.
In vano il prete vi spruzzò sul capo
l’acqua lustrale e vi soffiò negli occhi
e v’unse d’olio. Voi non rinasceste.
Ora il Comune e Popolo vi scioglie,25
v’alita il nuovo spirito, vi tuffa
nel fiume purificatore.

Tu che nel battifredo del convento
suoni compieta, onde s’attrista il cuore
del peregrino, ché quel suon lontano30
ciò gli ricorda ch’è vie più lontano:
a festa suona, per Gesù risorto.
Monaci salmeggianti, Egli è risorto,
e viene a tôrre i figli suoi, che i campi
v’arano e l’orto zappano e la legna35
gemendo tagliano nel bosco.

Voi che nei torracchioni del castello
vegliate in armi tra il guattir dei falchi,
biondi arimanni, servi di masnada:
in libertà, mastini alla catena40
del valvassore! Siate falchi: è meglio.
Via, biondi falchi, dal castello al bosco!
E della vostra fiera gioia empite
la solitudine dell’aria.

Fuochi di gioia, ardete sulle cime!45
Dov’ora sola la Limentra scroscia
e muglia il Reno, e il vento urta nei faggi
simile a un folle, fumeranno grigi,
in mezzo all’albeggiare della neve,
nuovi tuguri. E v’arderà perenne50
sul focolare il figlio di due selci
battute sopra un’ara dalle grandi
silenti vergini di Roma.

Fuochi di gioia, ardete in mezzo all’aie
delle pianure! Ché non più, seguendo,55
la stiva in mano, i due gementi bovi,
l’uomo dirà: - L’aratro, i bovi e l’uomo,
son tutti cosa che si compra e vende. -
La sfogliatrice non dirà sfogliando:
- Di qui né io né l’olmo può partire:60
olmo, bell’olmo, noi ci somigliamo.
Io canto, anche tu canti, al vento. -

O sfogliatrice che canti sull’olmo,
come un uccello, quando cade il sole,
scendi; tu puoi partire, anche restare:65
all’osilino alcuno avrì l’usolo.
Il drago è morto, o Santa Filumena;
più non ti mangia al fine della tela.
Non planzer più: torna ’l to Sire: canta!
Specchiati nelle lacrime ch’hai sparse,70
e va’, ti lava alla fontana.

Va Flor d’uliva in Savena la verde:
in un boschetto si mette ad andare.
Scioglie i capelli, lascia giù le vesti,
scende nel rio, tutta si spruzza d’acqua.75
E l’oseletto udì cantare un poco,
piano e segreto, che nessun l’udisse.
Ma ella intese ch’era ’l lusignolo
di caiba uscito e ritornato al broilo,
all’acqua, al verde, all’ombra,80
al sole, al sole et all’amore.