Canzoni di re Enzio/La canzone del paradiso/L'Alba

II - La canzone del paradiso

XI
L'Alba

../La notte ../ IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

La canzone del paradiso - La notte La canzone del paradiso

«Dormendo or ora ho udito la campana
che da sette anni io so tra l’altre squille.
Ella m’ha detto tristamente e plana:
- Comincia un dì come già mille e mille -
Amore, a Deo! Ven l’alba».5

«Non anco in cielo s’è sentito il canto
dell’allodetta che destando il broilo
pleno d’oselli, al lusignolo accanto
passa e gli dice: - Dormi, o lusignolo:
non cantar più, ch’è l’alba». -10

«Qui non è broilo e foglia d’albaspina.
Qui non se sente risbaldire oselli.
Ben sì la gaita canta la maitina,
svernano entorno clavi e clavistelli.
Pàrtite, amore, a Deo!»15

«Partir, se resti, come porò mai?
Eo plu non amo quel che tanto amava.
Eo plu non vollio quel che tu non hai,
ch’eri tu re et eo taupina sclava.
Or me basa, oclo meo».20

«Va’ ne, mea bella, e non far più lamento,
ch’eo vegno teco, teco vegno fuori.
Questo si fa per dolze incantamento.
Ti fie palese, quando arai du cuori...
e doglie altanto e pene!»25

«Non duole al flore aver un dì donate
le follioline de la sua corona.
Non duole: el flore allega per la state.
Non duole: ad altri è caro ciò ch’e’ dona,
et a lui ciò ch’e’ tiene».30

«Pàrtite, amore, poi che vezo ’l sole
rimpetto là sui merli della torre.
E l’ombra là vezo di corvi e grole,
e ’l passo qua sento de l’hom che tôrre
mi ti devrà per sempre!»35

«Amore, a Deo! Quanto mi fu già caro
lo sole, tanto or mi sarà molesto.
Eo plu non vollio ’l dì lusente e claro;
con te, meo Sire, in questa notte eo resto,
dove tu sei, per sempre».40

«Flore, o d’uliva o mandorlo che sia,
flore ch’hai già l’anima bianca e molle,
me plu non tene quei che m’ha ’n bailia,
eo sarò teco tra le fresche zolle,
al sole et all’amore!»45

«Eo vado al sole, all’acqua, al gelo, al vento.
Prima eo cantava tutte le mie sere.
Ora, tra i solchi, in vetta gli olmi, eo sento
che forse te farò così dolere,
e ben n’arò dolore!»50

«Me’ là con te, che ’n Roma imperadore!
El Paradiso......